AdvisorWorld.it

Vontobel: premio per il rischio petrolifero elevato

Salden Michel Vontobel

Vontobel. Negli ultimi mesi i mercati sono stati sorprendentemente compiacenti sui rischi dei mercati petroliferi mondiali. I recenti attacchi al più grande impianto di lavorazione del greggio del mondo……

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


di Michel Salden, Senior Portfolio Manager di Vontobel Asset Management


ad Abqaiq in Arabia Saudita hanno colto di sorpresa gli investitori, anche se il rischio si era andato accumulando a causa dei ripetuti attacchi dei ribelli yemeniti contro gli impianti di produzione del greggio dell’Arabia Saudita e le petroliere che hanno subito gravi danni nello Stretto di Hormuz e nel Golfo dell’Oman.

Il sentimento tra gli operatori globali macro e dinamici era addirittura diventato ribassista per quanto riguarda i mercati petroliferi a seguito delle dimissioni del consigliere statunitense per la sicurezza nazionale John Bolton, che aveva alimentato le speranze di un’abolizione del divieto di esportazione del petrolio greggio iraniano.

L’incidente dello scorso fine settimana ha causato un brusco riposizionamento con conseguente superamento dei prezzi.

L’impianto di Abqaiq è stato gravemente danneggiato. Rappresenta il 50% della produzione di greggio dell’Arabia Saudita e il 6% della produzione mondiale di petrolio, che equivale a 5,7 milioni di barili al giorno (mbpd).

Vontobel – Inoltre, gestisce il 18% del gas naturale saudita e il 50% della produzione di etano/propano saudita, che è ormai fuori produzione per un periodo indeterminato.

Anche se l’entità del danno è ancora sconosciuta e sarà sconosciuta per giorni o addirittura settimane, più di 5 milioni di barili al giorno sono già andati persi durante il fine settimana.

Le comunicazioni dall’Arabia Saudita sono state inadeguate, ma diverse fonti indicano che la capacità di produzione di greggio dei due giacimenti colpiti potrebbe tornare alla normalità in 10 giorni in modo graduale.

Tuttavia, il grande punto interrogativo è se questo greggio può essere lavorato nell’impianto di Abqaiq, dove il gas, i liquidi vengono separati e le impurità come lo zolfo vengono rimosse.

Prima della spedizione, quasi tutta la produzione di greggio saudita deve passare attraverso questo complesso sistema per essere ulteriormente pulita e addolcita.

Lo stoccaggio globale funziona a circa 53 giorni di copertura della domanda, il che significa che un breve shock dell’offerta può essere attenuato liberando immediatamente queste riserve.

Tuttavia, le scorte di greggio dell’Arabia Saudita sono già limitate (attualmente a 140 mb contro un picco di 330 mb nell’estate 2015), le riserve strategiche statunitensi sono a 650 mb e la Cina ha circa 500 mb di riserve strategiche di petrolio.

Vontobel – Tuttavia, queste riserve combinate possono essere immesse nel sistema petrolifero globale con una capacità di soli 2 – 2,5 mbpd.

Prima di questo attacco, il premio di rischio per il petrolio scambiato a livelli depressi sulla base dell’ipotesi che la capacità di riserva (produzione aggiuntiva che può essere incrementata a costo marginale, in un mese e per almeno 90 giorni) fosse vicina a 3,3 mbpd – 2,5 mbpd di cui si supponeva che gli impianti di Abqiaiq.

Dopo questo fine settimana, il premio di rischio nei mercati petroliferi ha dovuto prendere in considerazione una realtà diversa e ora sta negoziando sulla base di una capacità inutilizzata rivista: +0,3 mbpd in Russia, +0,2 mbpd in Kuwait e +0,1 mbpd negli Emirati Arabi Uniti.

Di conseguenza, il premio ha subito un forte aumento.

La produzione di scisto statunitense può essere incrementata dopo il recente movimento dei prezzi, ma il mercato ha ridimensionato gli investimenti e le attività di perforazione nel recente passato.

Pertanto, la grande domanda è quanto velocemente i perforatori risponderanno e potranno rispondere a questa opportunità.

Vontobel – Ancora più importante, l’ulteriore produzione di scisti bituminosi richiederà più di 6 mesi per raggiungere i principali consumatori di petrolio in Asia e o in Europa.

Se i sauditi saranno in grado di riportare la piena produzione entro pochi giorni, l’attuale rally dei prezzi scomparirà e sarà visto solo come una prova di stress sulla volatilità dei mercati energetici.

E sì, gli Stati Uniti possono guadagnare tempo liberando i barili di greggio dalla riserva petrolifera strategica, dando all’industria dello scisto un sollievo per rispondere, ma questo contribuirà solo a bilanciare la tenuta locale.

Se questa interruzione si rivelerà più a lungo termine, inizierà ad avere effetti sulla crescita globale e porterà ad uno scenario di stagflazione per l’economia mondiale.

Vontobel – Anche prima dell’incidente, gli investitori si sono sbagliati.

Un’analisi fondamentale bottom up ha mostrato che i mercati del greggio si stavano restringendo rapidamente.

In questo trimestre, le scorte globali di greggio stanno assorbendo più di 100 milioni di barili, e alla fine questa stagione di estrazione potrebbe raggiungere i 120 milioni di barili di petrolio globale.

Il forte arretramento che era già visibile prima dell’incidente ha confermato la nostra opinione che i mercati globali del petrolio sono molto più rigidi di quanto il consenso sul suo schermo radar.

Il pessimismo strutturale sul commercio globale, le revisioni al ribasso della domanda di greggio nel 2019 e nel 2020 e lo slancio negativo hanno portato i trader del CTA ad accumulare grandi posizioni corte nette, il che si è aggiunto alla compiacenza.

Il premio nelle curve a termine del petrolio rimarrà per un periodo prolungato, a maggior ragione se i produttori di scisto coglieranno l’opportunità di coprire la produzione futura vendendo contratti a più lunga data. Il rischio geopolitico si è manifestato ed è destinato ad accelerare.

Inoltre, i rischi di inflazione erano già visibili nei mercati emergenti, ma vedranno anche un’ulteriore accelerazione nei mercati globali.

Quindi, anche prima di questo evento, l’allocazione tradizionale del 60% / 40% in obbligazioni e titoli di stato correva su valutazioni scarse, mostrando mancanza di diversificazione e un rischio aumentato che l’allocazione delle obbligazioni al 60% fosse vulnerabile a un aumento dell’inflazione.

In un mondo in cui 16 trilioni di dollari di obbligazioni sono sul mercato con rendimenti negativi, le materie prime come asset in grado di fornire un rendimento convincente di oltre il 12% oltre ai necessari benefici di diversificazione derivanti dall’inflazione e dalle coperture geopolitiche probabilmente riacquisteranno un ruolo più importante nell’allocazione delle decisioni dei comitati di investimento.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Robeco selezionato da Pensioenfonds ING per un mandato ESG

Falco64

East Capital: come navigare in acque agitate

Falco64

Comgest: un nuovo inizio per il Giappone

Falco64