AdvisorWorld.it
Image default

UBP: Small e mid cap europee, valutazioni più basse, prospettive interessanti

Small e mid cap europee.  I timori di un peggioramento delle tensioni commerciali globali hanno seriamente depresso il sentiment degli investitori in Europa….


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura di Charlie Anniss European Small and Mid-Cap Portfolio Manager di Union Bancaire Privée (UBP)


Sebbene non ci sia stato uno shock economico o un ulteriore deterioramento degli indicatori macroeconomici (gli indici PMI e IFO si sono stabilizzati e stanno segnalando una continuazione della crescita economica)

da settembre gli investitori sono passati dai titoli growth a quelli a value e difensivi, a causa delle preoccupazioni circa l’impatto dell’aumento dei tassi di interesse a livello globale.

Questa rotazione settoriale ha permesso alle large cap di recuperare il terreno perduto rispetto alle small e mid-cap europee, che avevano superato le blue chip tra l’inizio del 2018 e la fine di agosto.

Di conseguenza, alla fine di settembre, l’indice MSCI Europe ha registrato un guadagno dello 0,84% da inizio anno, simile all’aumento dello 0,75% dell’indice MSCI Europe Small Cap.

La forte rotazione e i cali di mercato sono proseguiti in ottobre, con l’indice MSCI Europe Small Cap in calo del 10,64% a fronte di un calo del 7,73% per l’indice MSCI Europe (al 26 ottobre 2018).

L’avversione al rischio degli investitori rimane molto elevata sui mercati europei – ciò comporta un atteggiamento “risk-off” piuttosto che “risk on” – e le preoccupazioni per le difficili trattative sul Brexit e lo stallo tra Roma e la Commissione Europea riguardo alla legge di bilancio italiana fanno sì che il clima di incertezza continuerà nelle prossime settimane e mesi.

Riteniamo tuttavia che la perdita di fiducia degli investitori sia probabilmente eccessiva in un’ottica di breve termine.

Data la natura indiscriminata del recente sell-off, è ragionevole pensare che il mercato offra interessanti opportunità di acquisto, a condizione che i vari indicatori del sentiment economico non mostrino un ulteriore calo di fiducia in Europa.

I titoli a piccola e media capitalizzazione sono più esposti all’economia europea, e questo maggiore carattere domestico offre un certo isolamento dalle preoccupazioni circa l’impatto dei dazi e della guerra commerciale.

I loro fondamentali sottostanti rimangono interessanti e si prevede che gli utili cresceranno di oltre il 10% nei prossimi 12 mesi.

Sono inoltre meno costosi rispetto all’inizio dell’anno – il rapporto P/E medio delle small e mid cap europee è ora inferiore a 14 contro 17 all’inizio del 2018 – e quindi offrono reali opportunità di investimento.

A condizione che le azioni siano selezionate con attenzione, utilizzando un metodo “bottom-up”, vediamo attualmente una serie di opportunità in Francia, Irlanda e Spagna.

Manteniamo inoltre la nostra attenzione su aziende posizionate in mercati di nicchia, con un buon pricing power, una prospettiva internazionale e bilanci solidi.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Loomis Sayles e McDonnell Investment Management annunciano l’accordo di fusione

Falco64

Generali Investments e Università Bocconi presentano uno studio sulla politica degli investimenti dei fondi pensione

Falco64

Intermonte SIM: Il petrolio in calo stuzzica i tagli Opec

Falco64