AdvisorWorld.it
Kinsella Peter UBP

UBP: Il calo dell’oro non durerà a lungo

UBP : I rischi nel breve termine per l’oro sono al ribasso. Il recente irrigidimento della curva dei rendimenti USA e il miglioramento del sentiment di rischio hanno portato a un calo dei prezzi dell’oro, da 1.950 a 1.790 dollari l’oncia.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura di Peter Kinsella, Global Head of Forex Strategy di Union Bancaire Privée (UBP)


Gli investitori hanno leggermente spostato i portafogli dall’oro verso asset a più alto rendimento nel breve termine, il che spiega le variazioni di prezzo dell’oro negli ultimi mesi. Ci aspettiamo che questi rischi al ribasso non durino a lungo.

La FED probabilmente cercherà di far fronte all’irrigidimento della curva dei rendimenti annunciando probabilmente una politica di controllo della curva dei rendimenti. Una tale politica limiterebbe i movimenti al rialzo dei rendimenti dei bond americani a lungo termine, il che è uno sviluppo costruttivo per l’oro. Se e quando la Fed si muoverà in questa direzione, l’oro salirà senza tornare indietro.

Inoltre, ci aspettiamo che il dollaro continuerà a indebolirsi nei prossimi 9 mesi, di circa il 10% su una base ponderata per il commercio. Questi due sviluppi sosterranno un continuo rialzo dell’oro nel lungo termine.

Nonostante il miglioramento dell’economia globale, le banche centrali manterranno i tassi a livelli estremamente bassi per un periodo prolungato di tempo, il che sosterrà i prezzi dell’oro nel lungo termine. Nel lungo termine, un movimento a livelli di circa 2.100 dollari per oncia è del tutto fattibile.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

BGSaxo : Materie prime, il rame resta l’osservato speciale

Redazione

Flossbach von Storch – Come investire in oro in modo sostenibile

Redazione

UBP: Outlook negativo per il prezzo dell’oro, rischio di scendere a $1.600 per oncia

Redazione