AdvisorWorld.it
Tu Alan T. Rowe Price

T. Rowe Price: investire nelle infrastrutture che continueranno a supportare la digitalizzazione dell’economia

T. Rowe Price: Il drastico passaggio a modalità di lavoro, istruzione e shopping da remoto a causa della pandemia globale potrebbe rappresentare l’avanguardia di una trasformazione tecnologica ancora più profonda.


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura di Alan Tu, gestore del fondo T. Rowe Price Funds SICAV – Global Technology Equity, T. Rowe Price


In svariati settori, al di là di quello tech, dall’healthcare ai servizi finanziari, le società stanno aumentando gli sforzi per costruire relazioni digitali con i loro clienti.

I fornitori di tecnologie che stanno permettendo questa trasformazione sono il nostro principale focus. A nostro avviso, le aziende che forniscono software, servizi di cloud e cybersecurity potrebbero vedere diversi anni di solida crescita, con la tecnologia che accresce il proprio impatto su ricavi, risparmio sui costi e competitività.

Rivoluzioni che stanno sconvolgendo i software aziendali

Riteniamo che nel comparto dei software aziendali sia in corso una rivoluzione. La transizione verso software su cloud si sta consolidando. Sin dagli albori circa vent’anni fa, lo spostamento verso il cloud ha sconvolto l’industria. I leader in questo ambito, come Oracle e SAP, che installavano sistemi on-site, sono stati soppiantanti da nuovi giganti, come Workday, ServiceNow e Salesforce.com.

Anche nel settore dei software è in corso una trasformazione, con l’avvento di piattaforme che permettono ai clienti di creare facilmente software su misura per le loro esigenze specifiche. In questa nuova era, gli strumenti per gli sviluppatori di software sono diventati essenziali per l’innovazione.

Riteniamo che questo cambiamento sia ancora in una fase iniziale e non sia ancora adeguatamente prezzato dai mercati. Ad esempio, la tecnologia sviluppata dalla canadese Shopify ha permesso alle piccole e medie imprese di digitalizzare le proprie operazioni, diventando leader nell’e-commerce per i venditori indipendenti. Senza l’aiuto di sviluppatori professionisti, le aziende possono usare Shopify per creare siti, aggiungere prodotti, gestire le promozioni e processare gli ordini, liberando molti piccoli commercianti dalla dipendenza da Amazon.com, eBay e altri marketplace.

La programmazione sofisticata e su larga scala non verrà meno, naturalmente, e la complessità posta da dataset enormi e dal machine learning sta facendo crescere nuovi mercati. Un esempio in tal senso è Atlassian, società basata in Australia, che sta facendo leva sulla crescente importanza dello sviluppo di applicazioni e della maggiore capacità dei clienti finali di acquistare tool in autonomia. Il suo software Jira è diventato standard per i programmatori di tutto il mondo.

L’importanza del cloud

Anche le aziende di infrastrutture e piattaforme che forniscono servizi di cloud hanno molti anni di crescita davanti. La pandemia ha evidenziato la necessità per molte aziende di rispondere rapidamente ai cambiamenti nella domanda e ai limiti sulla produzione e molte hanno capito che spostare capacità di computing e dati sul cloud permette una maggiore agilità.

Le tre principali piattaforme USA – Google Cloud Platform di Alphabet, Azure di Microsoft e Amazon Web Services (AWS) – sono cresciute nel 2020. Un’economia più solida nel post-pandemia dovrebbe rinvigorire la domanda da parte di società nel settore dei viaggi, e in molti altri segmenti colpiti dalla pandemia.

Così come la prima rivoluzione industriale si è basata sul vapore e la seconda sull’elettricità, la digitalizzazione dell’economia si basa sui semiconduttori. Anche se la domanda di capacità di elaborazione sta crescendo esponenzialmente, le sfide nella produzione di semiconduttori stanno aumentando. Per circa 40 anni i produttori di chip potevano aspettarsi di raddoppiare il numero di transistor su un dato tipo di chip circa ogni due anni, ma a partire dal 2012 Intel e altre aziende leader hanno iniziato a notare dei limiti nell’utilizzo della tecnologia esistente. L’industria dei semiconduttori deve diventare paradossalmente più innovativa, dato che rendere i chip sempre più piccoli è diventato complesso.

Esempi di aziende ben posizionate in questo segmento sono l’olandese ASML Holding, l’unico fornitore al mondo di strumenti per la litografia ultravioletta estrema, e Applied Materials, che produce alcuni strumenti utilizzati nelle fasi finali di produzione dei semiconduttori.

Cybersecurity: un settore chiave

Con l’avanzare della digitalizzazione, la cybersecurity è diventata un tema chiave per quasi tutte le aziende. Stimiamo che la sicurezza rappresenti al momento il 5-10% dei budget aziendali dedicati alla tecnologia, e che sia diventata una delle aree di investimento più resilienti nel corso della pandemia.

Storicamente, quello dei software per la sicurezza è stato un mercato molto frammentato, con molte piccole aziende che offrivano soluzioni targettizzate per ogni singola minaccia. L’uso del cloud sembra stia aiutando le aziende con la giusta architettura a guadagnare vantaggi sostenibili sul mercato. Crowdstike Holdings, ad esempio, con un’architettura sul cloud, usa degli ‘agent’ installati su ogni endpoint (per esempio il computer di un dipendente) per inviare dati a un database su cloud centralizzato. Riteniamo che ciò abbia creato un circolo virtuoso per la società, con un crescente numero di clienti che alimenta il suo database, aiutando a migliorare i suoi modelli di IA e attraendo di conseguenza nuovi clienti.

Le migliori opportunità nella ‘nuova normalità’

Sicuramente la crescita delle principali aziende tech nel 2020 ha catturato l’attenzione degli investitori, e le valutazioni sono diventate molto elevate. Inoltre, il confronto di utili ed entrate su base annua non sarà molto favorevole nei prossimi mesi, dato che le aziende difficilmente replicheranno lo stesso ritmo di crescita del 2020. In alcuni casi abbiamo ridotto le nostre posizioni nei segmenti che hanno maggiore forza, come in alcune aziende di semiconduttori.

In altri segmenti tuttavia vediamo il potenziale per una continua crescita dei guadagni per gli investitori nel 2021. Alcune aziende di software innovative per esempio hanno avuto un’esposizione maggiore al rallentamento dopo lo scoppio della pandemia. Ciò dovrebbe rendere il confronto anno-su-anno meno sfavorevole. In altri casi, stiamo mantenendo le scommesse su aziende che hanno visto forti performance l’anno scorso, ma che hanno comunque investito in modo aggressivo per rafforzare ulteriormente il loro posizionamento competitivo. Per molte di queste, prevediamo che i ritorni su tali investimenti debbano ancora arrivare e possano generare risultati aziendali più forti di quanto il mercato si aspetti.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

GAM: Black Friday, borse in sconto

Redazione

CANDRIAM: prospettive per i titoli value e growth

Redazione

GAM: Correlazioni pericolose

Redazione