AdvisorWorld.it

T. Rowe Price: disruption tecnologica spinta deflazionistica

Eiswert David T. Rowe Price

T. Rowe Price: Viviamo in un mondo di liquidità abbondante e disruption tecnologica straordinaria, ma crescita e inflazione restano contenute. Come si spiega questa apparente contraddizione?…….


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura di David Eiswert, gestore del fondo T. Rowe Price Global Focused Growth Equity, T. Rowe Price


La combinazione di costo del capitale estremamente basso e cambiamento tecnologico ha impresso un’accelerazione senza precedenti al processo di innovazione – per fare un esempio, con un tasso sui Treasury decennali al 5% Tesla non potrebbe esistere con la sua struttura finanziaria attuale.

L’esistenza di innovatori come Tesla costringe anche il resto dei rispettivi settori ad accelerare gli investimenti per potersi tenere al passo.

La liquidità sta finanziando questo circolo virtuoso in ogni area dell’economia globale.

Il paradosso è che se da un lato il mondo gode dei frutti di questa innovazione, avendo accesso a iPhone, Netflix, auto a guida autonoma, scienza genetica ed energia a basso costo, dall’altro lato la rapidità e la forza dirompente del cambiamento possono avere delle conseguenze disomogenee e indesiderate, come appunto la bassa inflazione, legata all’aumento di capacity generato dalle nuove tecnologie.

Quali implicazioni comportano la disruption tecnologica e la spinta deflazionistica per gli investitori? Ecco le principali:

  1. Crescita, inflazione e tassi resteranno bassi a lungo

Viviamo in un mondo di bassa crescita del Pil, bassa inflazione e basso costo del denaro e tale situazione persisterà, dati i fattori strutturali sottesi a queste tendenze

  1. Occhio all’M&A

Il consolidamento all’interno dei vari settori è una reazione naturale al contesto in cui ci troviamo e proseguirà in futuro

  1. Tensioni sociali destinate a proseguire

Una delle conseguenze meno piacevoli della disruption tecnologica è la concentrazione della ricchezza e l’aumento della disuguaglianza. Per questo, populismo, regolamentazione e resistenza da parte della società caratterizzeranno il contesto di investimento ancora a lungo

  1. Società tecnologiche nel mirino

Se dieci anni fa il nemico pubblico erano le banche, ora i governi e la società si stanno orientando verso nuovi bersagli: le società tecnologiche dovranno fare i conti sempre di più con la propria importanza sociale

  1. Banche in affanno

Le banche dei paesi sviluppati sono ancora costrette a nuotare controcorrente. Per questo, la selettività resta cruciale

  1. Nuovi monopoli naturali

La disruption sta colpendo la struttura di molti settori, generando nuovi monopoli naturali a cui va prestata attenzione. Occorre chiedersi se la regressione verso la media sia ancora un concetto valido nel contesto attuale

  1. Pricing power: un bene raro e prezioso

Per generare alpha, sarà essenziale individuare e investire in società dotate di potere sui prezzi e redditività in aumento, sempre più rare in un mondo in cui la tecnologia riduce le barriere all’ingresso e alimenta la competizione

  1. Il lato giusto del cambiamento

In un mondo di innovazione e cambiamenti sempre più rapidi, saper scovare i ‘vincitori di domani’ è sempre più importante per il successo negli investimenti.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

East Capital: il connubbio tra mercati di frontiera e ESG

Falco64

GAM: Whatever it takes…until when?

Falco64

Robeco: Azionario, la chiave resta l’intesa tra USA e Cina

Falco64