AdvisorWorld.it
Image default

Société Générale: Quotazione di 100 Corridor su Borsa Italiana

Dal 2 ottobre, a seguito delle positive e recenti deliberazioni dell’ESMA, vengono quotati 100 nuovi SG Corridor e riprende la piena operatività, in termini di negoziazione su Borsa Italiana, per i prodotti già quotati…

Marcello Chelli, Co-Head Public Distribution di Societe Generale in Italia

A seguito delle deliberazioni del Regolatore Europeo ESMA, che ha rivisto i criteri che le opzioni binarie devono rispettare per essere commercializzate presso gli investitori retail, Societe Generale ha ripreso a quotare in Bid e Ask i vecchi Corridor e, a partire dal 2 ottobre, ha deciso di ampliare la gamma offerta sul segmento SeDeX di Borsa Italiana quotando 100 nuovi Corridor. Tali strumenti sono concepiti per prendere posizione in caso di aspettativa di andamento non direzionale dei mercati.

I nuovi Corridor avranno come sottostante singole azioni di società italiane (Generali, Enel, Eni, FCA, Intesa Sanpaolo, Telecom, Unicredit), indici azionari (FTSE MIB, DAX o EURO STOXX 500), commodity (Oro e Futures su Petrolio WTI) e il tasso di cambio EUR/USD.

I Corridor di SG prevedono la possibilità di investire su uno specifico sottostante con l’aspettativa che, nell’arco di vita del prodotto, il valore di tale sottostante rimanga sempre all’interno di un ‘corridoio’ delimitato da una Barriera Superiore e una Barriera Inferiore predefinite.

Nel caso in cui ciò avvenga, a scadenza il Corridor di SG riconoscerà un valore anch’esso predefinito pari a 10 Euro; in caso contrario, l’investitore perderà integralmente il capitale investito.

I Corridor di SG hanno liquidità infragiornaliera fornita da Societe Generale e sono negoziabili ogni giorno a un prezzo di mercato compreso tra 0 e 10 Euro circa.

Marcello Chelli, Co-Head Public Distribution di Societe Generale in Italia ha commentato: “Riteniamo che i Corridor di SG rispettino i requisiti individuati da ESMA e che pertanto possa riprendere la loro commercializzazione in Italia. Le recenti deliberazioni dell’ESMA hanno riconosciuto una differenza sostanziale tra le opzioni binarie tout-court trattate su piattaforme bilaterali e i certificati negoziati sul SeDeX che pur contengono un’opzione digitale”.

Fonte: AdvisorWorld.it

 

Articoli Simili

Nuovi Certificates Goldman Sachs Fixed Cash Collect in euro con scadenza a un anno

Falco64

BNP Paribas lancia una nuova serie di Certificate Memory Cash Collect e Reverse Memory Cash Collect

Falco64

Due Certificati a Leva Fissa x7 sul FTSE MIB di Societe Generale diventano open end

Falco64