AdvisorWorld.it
Rees David Schroders

Schroders: l’impennata della campagna vaccinale cinese è una notizia positiva (non solo per la Cina)

Schroders. La rapida ascesa della campagna di vaccinazione anti Covid-19 in Cina rappresenta una buona notizia non solo per l’economia domestica, ma potrebbe anche innescare un aumento delle esportazioni di vaccini verso altri mercati emergenti.


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura di David Rees, Senior Emerging Markets Economist, Schroders


Ciò aiuterebbe i Paesi emergenti che finora sono rimasti indietro nella campagna vaccinale. Inoltre, le dinamiche geopolitiche potrebbero portare i Paesi del G7 ad ampliare i propri target per fornire vaccini al mondo emergente.

Il ritmo delle vaccinazioni in Cina è aumentato notevolmente

La Cina sta somministrando i vaccini anti-Covid a un ritmo vertiginoso. Secondo la National Health Commission, il numero totale di vaccini inoculati ha superato la soglia di 1 miliardo nelle ultime settimane.

Circa due terzi della popolazione (1,4 miliardi di persone) ha ricevuto almeno una dose e il Governo mira a 01far sì che il 40% della popolazione abbia completato il ciclo vaccinale entro luglio.

Per le autorità sarà difficile sostenere questo rapido ritmo di somministrazioni, che ha visto inoculare circa 20 milioni di dosi al giorno nelle scorse settimane, via via che la campagna si sposterà verso aree meno urbane.

Tuttavia, sembra che il Governo sia sulla buona strada per raggiungere il target precedente, ossia vaccinare l’80% della popolazione entro la fine dell’anno, molto prima del previsto. Al ritmo attuale il target potrebbe essere raggiunto già nel corso del terzo trimestre e ciò dovrebbe essere una buona notizia per la Cina.

Tutto ciò porterà a un’impennata dei consumi domestici?

La rapidità della campagna vaccinale dovrebbe ridurre le preoccupazioni sui bassi livelli di immunità naturale in Cina. La solida gestione del Covid-19 da parte del Governo attraverso rigidi lockdown nel 2020 ha sradicato i nuovi casi trasmessi localmente nel giro di due mesi dall’inizio ufficiale della pandemia.

Tuttavia, ciò significa anche che la Cina ha costruito un’immunità naturale molto contenuta. Come in altri Paesi del mondo che hanno gestito la pandemia attraverso il contenimento, anche in Cina la popolazione e l’economia restano vulnerabili alla diffusione di nuove e più infettive varianti.

Intanto, una campagna vaccinale più rapida del previsto potrebbe fornire supporto marginale alla ripresa della spesa dei consumatori, che finora è rimasta indietro rispetto al rimbalzo dell’economia più in generale. Il livello relativamente contenuto di consumi riflette alcuni cambiamenti strutturali dell’attività economica, per esempio il lavoro da remoto, insieme all’assenza apparente di una ripresa solida del mercato del lavoro.

Ma se l’esitazione riguardo al Covid è stata un vento contrario per i consumi, ciò dovrebbe venir meno man mano che il tasso di vaccinazione cresce.

Una notizia positiva anche per i mercati emergenti

Il boom di vaccinazioni in Cina dovrebbe essere una buona notizia anche per il resto del mondo. Se la Cina raggiungerà il suo target di vaccinazione prima del previsto l’implicazione potrebbe essere che la vedremo presto iniziare a esportare un ampio numero di dosi verso altri mercati emergenti che finora non sono riusciti a garantirsi un approvvigionamento stabile di vaccini.

Da tempo riteniamo che sia la Cina che la Russia avrebbero probabilmente tentato di riempire il vuoto dei vaccini nei mercati emergenti. La Cina in particolare aveva già deciso di fornire il suo vaccino domestico a gran parte dei Paesi africani e dell’America Latina, oltre che ad alcune aree dell’Asia e dell’Europa.

I timori sul fronte della diplomazia dei vaccini potrebbero spingere altri Paesi a rispondere offrendo un numero maggiori di dosi ai mercati emergenti. Gli Stati Uniti il mese scorso hanno annunciato che avrebbero dato la priorità al rifornimento di vaccini a parte dell’America Latina dopo che la Cina ha iniziato a consegnare parte delle sue dosi ad alcuni Paesi della regione. I leader del G7, alla fine del recente meeting nel Regno Unito, hanno annunciato un piano per donare 1 miliardo di vaccini nel corso del prossimo anno, ma potrebbero renderlo più ambizioso se la Cina inizierà ad aumentare vertiginosamente le sue esportazioni.

Ad ogni modo, qualsiasi decisione che faccia accelerare la campagna vaccinale nei mercati emergenti sarebbe chiaramente una notizia positiva per la gestione globale della pandemia, rallentando la comparsa di nuove varianti. Inoltre, una gestione migliore della crisi sanitaria potrebbe avere un effetto domino positivo per le previsioni economiche e la performance degli asset nei mercati emergenti.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

T. Rowe Price: Picco di inflazione a breve termine? I titoli growth non dovrebbero risentirne

Redazione

Comgest: Quattro falsi miti sul quality growth

Redazione

Cirdan Capital : Asset allocation mercati emergenti: il caso Cina e le opportunità d’investimento

Redazione