AdvisorWorld.it
Harrison Peter Schroders

Schroders entra a far parte del Global Impact Investing Network (GIIN)

Schroders annuncia un ulteriore passo del proprio impegno per costruire una posizione di leadership nell’ambito della sostenibilità e dell’impact investing.


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura di Peter Harrison, Group Chief Executive, Schroders


La società è infatti entrata a far parte del Global Impact Investing Network (GIIN), un’influente organizzazione no-profit che mira ad accrescere la diffusione e l’efficacia dell’investimento a impatto.

Il GIIN si concentra sulla riduzione delle barriere per l’impact investing, al fine di consentire che una maggiore quantità di capitale sia indirizzata a finanziare soluzioni in questo ambito.

Il Network conta 350 membri a livello globale, tra cui BlueOrchard – società pioniera nell’impact investing e parte del Gruppo Schroders – che dal 2001 genera impatti positivi per ambiente e comunità di tutto il mondo, fornendo al contempo interessanti rendimenti agli investitori.

Schroders ha acquisito una quota di maggioranza di BlueOrchard nel 2019.

Peter Harrison, Group Chief Executive, Schroders, ha commentato:

Siamo da sempre un’organizzazione ‘purpose-driven’ e il nostro focus sull’impact investing mira a conseguire rendimenti finanziari solidi, ponendo molta enfasi sull’impatto che i nostri investimenti hanno sulle persone e sul pianeta.

I nostri clienti sono sempre più consapevoli della stretta correlazione tra impatti sociali e rendimenti finanziari, e diventare membri del Global Impact Investing Network supporterà il nostro percorso, teso a renderci uno dei leader globali in questo ambito”.

All’inizio dell’anno Schroders ha annunciato di aver integrato con successo i fattori Ambientali, Sociali e di Governance (ESG) nei processi decisionali di tutti i propri investimenti.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Robeco: il ‘verde’ è il nuovo colore in tendenza, anche per i mercati emergenti

Redazione

Schroders: COP26, l’importanza di una “transizione giusta”

Redazione

Mirabaud AM : COP26: stress idrico e opportunità ESG

Redazione