AdvisorWorld.it
Harrison Peter Schroders

Schroders celebra i 20 anni di BlueOrchard

Schroders celebra oggi il ventesimo anniversario di BlueOrchard, società pioniera nella microfinanza e specializzata nell’impact investing, che fin dal 2001 genera un impatto positivo per ambiente e comunità in tutto il mondo, fornendo al contempo rendimenti attraenti per gli investitori.


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Peter Harrison, Group Chief Executive Officer, Schroders


Tramite gli investimenti di BlueOrchard, milioni di persone a basso reddito nei mercati emergenti e di frontiera hanno ottenuto accesso per la prima volta ai servizi finanziari. Alcune di queste storie sono illustrate nel libro dedicato all’anniversario della società, intitolato “This Is My Story”.

BlueOrchard è stato il primo gestore commerciale attivo nella microfinanza e nel debito 20 anni fa, e da allora si è evoluto in un leader a livello globale, con oltre 8 miliardi di dollari investiti in più di 90 Paesi. Sono state più di 215 milioni le persone vulnerabili in stato di povertà nei mercati emergenti e di frontiera ad aver ricevuto accesso a servizi finanziari tramite il supporto di BlueOrchard.

Il fondo BlueOrchard Microfinance è il primo fondo al mondo di microfinanza e il più grande, con 2,5 miliardi di dollari di asset in gestione. Nel 2019, Schroders ha completato l’acquisizione della quota di maggioranza di BlueOrchard.

Peter Harrison, Group Chief Executive Officer, Schroders, ha affermato:

 “BlueOrchard è un’organizzazione interamente ‘purpose driven’ e il suo lavoro nella microfinanza e con le agenzie di sviluppo ha fornito agli investitori rendimenti finanziari solidi, ma non solo: cosa ancora più importante, BlueOrchard ha anche aiutato in modo tangibile milioni di persone nei mercati emergenti negli ultimi due decenni.

L’impact investing ormai è un trend molto diffuso, ma BlueOrchard è stata pioniera in questo campo da 20 anni. Schroders, anch’essa un’organizzazione ‘purpose driven’, è orgogliosa di poter collaborare così strettamente con BlueOrchard e speriamo che questa partnership tra investitori specializzati in impatto possa proseguire per altri 20 anni e oltre”.

Grazie all’espansione nel private equity e nelle infrastrutture sostenibili, BlueOrchard offre soluzioni di ‘impact investment’ in diverse asset class, mettendo in comunicazione milioni di imprenditori nei mercati emergenti e di frontiera con gli investitori, allo scopo di rendere accessibili a tutti soluzioni di investimento a impatto e di promuovere un uso consapevole del capitale.

Peter Fanconi, Presidente del Board, BlueOrchard, ha dichiarato:

 “Fin dalla Fondazione, BlueOrchard ha saputo bilanciare con successo la generazione di impatto duraturo con rendimenti finanziari attraenti, dimostrando che possono andare di pari passo. È stato un viaggio incredibile e non vediamo l’ora di affrontare i prossimi 20 anni. Ringraziamo i nostri partner globali per la continua fiducia nei confronti di BlueOrchard”.

Philipp Mueller, CEO, BlueOrchard, ha aggiunto:

 “Per due decenni, la visione e missione di BlueOrchard è stata quella di rendere le soluzioni di investimento a impatto accessibili a tutti e di far progredire l’uso consapevole del capitale a beneficio della società e dell’ambiente. Continueremo su questa strada per soddisfare la domanda da parte degli investitori di strategie innovative e con un impatto reale”.

In occasione della celebrazione del ventesimo anniversario, BlueOrchard, in collaborazione con National Geographic, ha pubblicato il libro “This Is My Story – Giving a Face to 20 Years of Impact Investing“, in cui sono condivise alcune storie imprenditoriali, ambizioni personali e insight nelle vite delle famiglie che ogni giorno in tutto il mondo lottano contro le avversità.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Franklin Templeton – Value e Growth: la dicotomia indivisibile

Redazione

T. Rowe Price: Azionario USA, puntare sulle small-cap senza snobbare i grandi nomi tech

Redazione

GAM: Non è tutt’oro …

Redazione