AdvisorWorld.it
Robeco

Robeco: 5 lezioni sull’investimento nel credito a partire dal lancio degli SDG

Robeco: Il progresso globale nel raggiungimento dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) non è stato omogeneo, ma molte lezioni sono state tratte dalla loro adozione da parte degli stati membri delle Nazioni Unite nel 2015.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


a cura di Jan Anton van Zanten, SDG Strategist di Robeco


Una fra tutte è che gli investitori hanno un ruolo essenziale per il raggiungimento di questi traguardi. Allocare il capitale di investimento nelle aziende che contribuiscono a questa agenda globale, così come evitare di finanziare quelle le cui pratiche o prodotti non sono allineati, aiuta a garantire il progresso. Abbiamo anche visto che la natura universale e la rilevanza degli SDG, e la loro delineazione dettagliata dei problemi di sviluppo sostenibile più urgenti del mondo in un insieme concreto di obiettivi con target sottostanti, li rendono un modello utile per gli investimenti sostenibili. Gli SDG permettono agli investitori di mostrare chiaramente come è allocato il capitale dei loro clienti alle aziende che forniscono soluzioni alle sfide della sostenibilità. Ma cosa hanno imparato gli investitori dal lancio degli SDG?

Lezione 1: Qualche progresso c’è stato, ma lontano dall’essere sufficiente

Gli SDG hanno stimolato alcuni progressi, come ad esempio l’aumento del numero di donne elette in parlamento, una quota maggiore di consumo energetico proveniente da fonti rinnovabili ed una porzione maggiore di oceani al mondo ora protetta. Tuttavia, allo stesso tempo, le sfide sono – purtroppo – allarmanti. I rapporti sulla prima fase dell’agenda SDG (2015-2020) mostrano inequivocabilmente che i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi sono stati lenti in tutte le aree del mondo. Nel frattempo, la pandemia di Covid-19 ha costituito una sfida sanitaria senza precedenti con conseguenze economiche disastrose.

Lezione 2: Il Covid-19 ha messo a nudo la rilevanza e l’importanza degli SDG

La pandemia si è dimostrata un eccellente stress test per l’approccio SDG. A nostro avviso, tale situazione ha messo a nudo la rilevanza e l’importanza dell’agenda SDG, che presenta il miglior approccio possibile per gestire la pandemia. L’obiettivo consiste nel garantire, ora e in futuro, un’adeguata alimentazione del benessere umano salvaguardando la sostenibilità ambientale ed economica. Inoltre, il raggiungimento degli SDG creerà un mondo più stabile in cui la probabilità di crisi future è più bassa e la capacità delle società di affrontare i rischi è più forte.

Lezione 3: Gli SDG sono positivi per gli affari

I 17 SDG rappresentano un’opportunità per investire nel futuro sostenibile delle persone e del pianeta. Le opportunità coprono una vasta gamma di aree come le infrastrutture, gli alloggi, l’alimentazione e le medicine, l’energia rinnovabile, la fornitura di finanziamenti e assicurazioni a coloro che ne hanno bisogno, e la ricerca di mezzi per ridurre i rifiuti. Una stima suggerisce che gli SDG presentano opportunità di mercato pari a 12 mila miliardi di dollari all’anno. Essi forniscono anche un mezzo per identificare e poi mitigare i rischi. Per esempio, le imprese e gli investitori che non riescono a riconoscere le implicazioni della transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio affrontano il rischio di un business reso impraticabile dal cambiamento della domanda dei consumatori o dalla regolamentazione.

Lezione 4: Gli SDG hanno bisogno di investitori

A nostro avviso gli investitori fanno la differenza. In modo concreto, lo si osserva nel modo in cui questi allocano il capitale verso le aziende che possono aiutare a raggiungere gli obiettivi. Questo può significare acquistare obbligazioni di società che contribuiscono a uno o più degli SDG, ed evitare di finanziare le società che non sono in linea con essi. Le strategie di credito SDG permettono agli investitori di fare proprio questo. Un secondo modo in cui gli investitori possono fare la differenza è attraverso l’azionariato attivo. Sfruttando la nostra posizione di azionariato attivo, possiamo usare il voto e l’impegno per effettuare dei cambiamenti.

Lezione 5: È ora di passare dagli input agli impatti

L’investimento si concentra sull’iniezione di denaro in un’azienda. L’investimento sostenibile richiede una valutazione dell’impatto del capitale investito. Se possiamo – e lo facciamo – quantificare il valore dei nostri investimenti per determinare l’impatto sugli SDG, guardiamo anche oltre per valutare se i nostri investimenti migliorano la vita e promuovono la sostenibilità ambientale. Ad esempio, abbiamo scoperto che l’impronta di carbonio per ogni 100 milioni di euro investiti nella strategia Robeco Global SDG Credit è significativamente inferiore a quella di un investimento di dimensioni simili nell’indice Bloomberg Barclays Global Aggregate Corporate Bond. Infatti, abbiamo stimato che questa differenza è equivalente alle emissioni annuali di CO2 prodotte da 1.513 automobili.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

NN IP/Glass Lewis: le aziende con comitati ESG autonomi registrano punteggi di sostenibilità più alti

Redazione

NN IP : Investire per combattere il cambiamento climatico significa decarbonizzare il portafoglio d’investimento

Redazione

Robeco: Decarbonizzare i portafogli di investimento – riserve, considerazioni e sfide

Redazione