AdvisorWorld.it
Raiffeisen C.M.

Raiffeisen C.M.: Mercati Emergenti: migliora il quadro a lungo termine dell’azionario

Raiffeisen C.M. La performance scintillante di inizio novembre è stata seguita da ulteriori guadagni dei corsi sulle borse azionarie.


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura del Team CEE e Global Emerging Markets di Raiffeisen Capital Management


Alla fine, il mese passa alla storia delle borse come uno dei migliori mesi per le azioni degli ultimi decenni, in alcuni paesi addirittura come il miglior mese di sempre. A ciò hanno contribuito anche i forti ulteriori afflussi di capitale in azioni e obbligazioni dei paesi emergenti e l’indebolimento del dollaro USA.

Un consolidamento o una correzione dopo questa impennata dei prezzi non sarebbe sorprendente e probabilmente sarebbe addirittura positivo per il quadro a lungo termine.

È evidente che i corsi delle azioni precedono di molto l’andamento dell’economia, anche se ciò costituisce allo stesso tempo un certo potenziale di rischio, se l’ottimismo congiunturale sulla scia delle notizie dei vaccini dovesse rivelarsi esagerato. Dal punto di vista odierno, tuttavia, quest’ultimo riguarderebbe in primo luogo il ritmo della ripresa economica globale, non tanto la sua portata.

I mercati hanno ripetutamente dimostrato negli ultimi mesi che si preoccupano relativamente poco di eventuali ritardi, finché la direzione dello sviluppo economico sia quella giusta.

Le azioni EM puntano ai vecchi record massimi dell’ultimo decennio – superarli offrirebbe un enorme ulteriore potenziale di rialzo

Il rally dei mercati è stato accompagnato da un nuovo forte afflusso di capitali verso le azioni e le obbligazioni dei paesi emergenti, supportato dall’ulteriore indebolimento del dollaro USA. L’indice azionario globale dei mercati emergenti (in dollari USA) è molto vicino ai suoi massimi storici. Manca ancora un 6% circa (dati al 10.12.2020) per superare il livello record raggiunto ormai 13 anni fa.

Da un punto di vista tecnico, il superamento di questi massimi storici offrirebbe un enorme potenziale di rialzo per il prossimo decennio. In altre parole: Le azioni dei mercati emergenti si stanno ormai consolidando da 13 anni (dopo una spettacolare crescita nel decennio precedente). Ci sono buone probabilità che a ciò possa presto far seguito una nuova fase di guadagni duraturi e superiori alla media.

Rispetto ai mercati sviluppati, i mercati azionari dei paesi emergenti restano interessanti, il che offre potenziale di recupero. Qui sarebbe opportuno se il dollaro USA a partire da qui potesse passare a un trend di forti ribassi per diversi anni, dopo che quest’anno sembra stia creando una grande formazione di top a lungo termine.

Il quadro a lungo termine delle azioni EM è quindi senza dubbio migliorato ulteriormente. Tuttavia, ciò non deve necessariamente significare che i rialzi dei corsi delle ultime settimane proseguiranno senza interruzione.

Un sentiment in parte già euforico e la mancanza di nuovi catalizzatori positivi potrebbero invece portare a un consolidamento o anche a una leggera correzione al ribasso nelle prossime settimane. Questa potrebbe essere una gradita opportunità d’acquisto per coloro che finora sono (troppo) poco posizionati sulle azioni dei mercati emergenti.

È possibile una correzione a breve termine, accompagnata da una temporanea ripresa del dollaro USA

A breve termine, l’euforia per i vaccini e l’ottimismo del mercato potrebbero essere un po’ esagerati. I dati economici nell’UE e negli USA sembrano meno buoni rispetto a qualche mese fa. E dal punto di vista tecnico, il dollaro USA potrebbe iniziare un’azione contraria limitata e temporanea, che in cambio sarebbe anche indicativa di una correzione sui mercati azionari e delle materie prime.

Inoltre, ci vorrà del tempo prima che siano disponibili ovunque sufficienti vaccini e in questo periodo potrebbero esserci nuove battute d’arresto congiunturali. Ciononostante, i mercati quest’anno hanno dimostrato di temere relativamente poco specialmente queste ultime, purché si tratti solo di difficoltà temporanee. Finché i segnali indicano un boom economico, al momento, alla maggior parte degli operatori di mercato fondamentalmente non importa se questo avverrà un trimestre prima o dopo.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Cirdan Capital : Asset allocation mercati emergenti: il caso Cina e le opportunità d’investimento

Redazione

GAM: Una modesta proposta

Redazione

DPAM : Idrogeno verde, sfide e opportunità per l’investimento del futuro

Redazione