AdvisorWorld.it
Heinsbroek Adrie NN Investment Partners NN IP

NN IP, quattro trend sostenibili che accelereranno nel 2021 e oltre

NN IP. Gli investitori otterranno una maggiore influenza sulle politiche di sostenibilità nelle assemblee generali delle aziende, in quanto il voto diventa sempre più influente

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Adrie Heinsbroek Chief Sustainability Officer NN Investment Partners


    Altri temi di sostenibilità in crescita includono l’urgenza dell’azione per il clima, una maggiore attenzione all’impatto positivo, la collaborazione intersettoriale tra diverse realtà e l’azione regolatoria

    A fine 2020, NN IP integra i fattori ESG nel 74% del suo patrimonio in gestione

Le aziende dovranno affrontare una crescente pressione per migliorare i loro comportamenti ambientali, sociali e di governance (ESG) mentre gli investitori utilizzano nuovi strumenti per influenzarli, afferma NN Investment Partners (NN IP) nel suo ultimo rapporto sugli investimenti responsabili.

Fino a poco tempo fa, gli investitori hanno avuto uno spazio piuttosto limitato per influenzare specifiche politiche ESG attraverso il voto nelle assemblee generali. Questo è destinato a cambiare in quanto le aziende permetteranno agli investitori di esprimere più voti sulle loro politiche di sostenibilità nei prossimi appuntamenti assembleari annuali (AGM). Tra gli altri argomenti, le aziende cominceranno a includere un “say on climate” e un “say on diversity” nelle loro agende AGM, accanto all’esistente “say on pay”. Gli investitori avranno anche più modi per influenzare le politiche relative agli obiettivi non finanziari attraverso l’engagement, afferma il report di NN IP.

Il Responsible Investing Report 2020 di NN IP identifica anche altri quattro trend sostenibili che accelereranno nel 2021 e oltre:

    Gli investitori riconosceranno sempre più la necessità di un’azione urgente per il clima – Le immagini satellitari hanno mostrato una diminuzione esponenziale delle emissioni di CO2 nella fase iniziale della pandemia di Covid-19. Questo ha evidenziato gli effetti positivi di un minor numero di viaggi (aerei) e ciò che si può ottenere se si agisce. La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021 aumenterà ulteriormente il senso di urgenza nell’affrontare le questioni climatiche

    Ci sarà una crescente attenzione al finanziamento dell’impatto positivo – Gli investitori richiederanno una sempre maggiore trasparenza sull’impatto degli investimenti, quindi gli asset manager devono migliorare il loro reporting e allineare i loro processi di dati per soddisfare le esigenze dei clienti

    La collaborazione intersettoriale aumenterà – Gli asset manager si uniranno sempre più a gruppi di interesse intersettoriali per guidare il cambiamento attraverso l’engagement e il dialogo. Facendo squadra con organizzazioni sociali e governative, gli investitori possono avere un maggiore impatto su argomenti concreti che riflettono le priorità dei clienti

    L’azione normativa rimodellerà il settore – Questa tendenza si concentrerà principalmente sull’Europa per ora attraverso la Sustainable Finance Disclosure Regulation (SFDR) dell’UE e la tassonomia dell’UE, ma influenzerà anche le aziende di altre aree geografiche, dato che gli investitori europei richiedono più informazioni dai loro investimenti globali. Diventerà più facile per i clienti confrontare i prodotti e ottenere una maggiore comprensione di come il loro denaro viene utilizzato e per quale scopo

Adrie Heinsbroek, Chief Sustainability Officer, NN Investment Partners, ha commentato: “Due fattori stanno avendo il maggiore impatto nel guidare il cambiamento negli investimenti sostenibili. Il primo è la pandemia di Covid-19 e il secondo è il nuovo quadro normativo dell’UE sulla finanza sostenibile, che cambierà il panorama degli investimenti e farà sì che i capitali vengano reindirizzati in luoghi diversi nel 2021 e oltre”.

Entro la fine del 2020, NN IP ha esteso l’integrazione dei suoi rigorosi criteri ESG al 74% del suo patrimonio in gestione (AuM), contro il 68% del 2019. La società mira a integrare i criteri ESG nell’80% degli AuM entro il 2023. NN IP è firmataria dei Principles for Responsible Investment (UNPRI), da cui ha ricevuto il massimo punteggio di A+ nel 2020.

Come parte del suo programma di engagement positivo, NN IP ha avuto 1.269 dialoghi con 669 aziende e 17 stati sovrani nel 2020. Il numero totale di dialoghi è stato significativamente più alto rispetto agli anni precedenti (rappresentando un aumento del 91% rispetto al 2019), riflettendo i maggiori sforzi e la migliore efficienza di NN IP. Ha anche votato su 35.015 articoli in 3.053 AGM in 60 paesi, contro 31.775 articoli in 2.752 assemblee generali nel 2019. NN IP è classificata tra i primi 10 migliori performer sul voto per il clima e l’azione sociale da ShareAction1

Heinsbroek ha aggiunto: “Per massimizzare la nostra influenza come asset manager, dobbiamo continuamente guardare avanti. Abbiamo identificato diverse aree di interesse per l’engagement nel 2021 e oltre, tra cui condizioni di lavoro dignitose, le disuguaglianze sociali evidenziate dalla pandemia di Covid-19 e il nostro continuo engagement con gli stati sovrani per valutare meglio rischi e opportunità.”

In aggiunta, il Responsible Investing Report 2020 di NN IP fornisce uno sguardo dettagliato su un’ampia gamma di argomenti, tra cui ciò che le nuove norme di sostenibilità dell’UE significheranno per tutti gli operatori del mercato finanziario, come NN IP sta affrontando la crisi climatica e come l’impatto di Covid-19 modellerà l’investimento sostenibile in futuro.


1Fonte: ShareAction. NN IP si è classificata sesta su 60 aziende nel 2020

Fonte: AdvisorWorld

Articoli Simili

Schroders: COP26, l’importanza di una “transizione giusta”

Redazione

Mirabaud AM : COP26: stress idrico e opportunità ESG

Redazione

Deutsche Bank e Green Climate Fund sottoscrivono un accordo

Redazione