AdvisorWorld.it
Heinsbroek Adrie NN Investment Partners NN IP

NN IP: le emissioni nette zero sono un obiettivo per il 24% dei maggiori asset manager

NN IP. Con l’inizio della COP26, quasi un quarto dei maggiori asset manager ha fissato obiettivi di emissioni nette zero per i propri investimenti e sono previsti obiettivi più ambiziosi, secondo la ricerca di NN Investment Partners (NN IP).

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Adrie Heinsbroek, Chief Sustainability Officer di NN Investment Partner (NN IP)


  • Il 24% dei 500 maggiori asset manager ha fissato degli obiettivi per utilizzare i propri investimenti per raggiungere l’obiettivo di emissioni nette zero
  • Le pubblicazioni di politiche e ricerche da parte dei gestori patrimoniali sono quasi raddoppiate in vista della conferenza delle Nazioni Unite a Glasgow
  • Gli asset manager sono ottimisti sul fatto che la conferenza sui cambiamenti climatici COP26 porterà accordi significativi e fattibili

L’analisi del Natural Language Processing (NLP) di oltre 10.000 pubblicazioni sull’investimento responsabile mostra come il clima sia balzato all’ordine del giorno per i 500 maggiori gestori patrimoniali del mondo, con il doppio delle pubblicazioni sull’investimento responsabile e 150.000 paragrafi che discutono argomenti ambientali, sociali e di governance (ESG).

Sebastiaan Reinders, Head of Investment Science di NN Investment Partners commenta: “Gli asset manager hanno grandi aspettative per l’esito della conferenza sui cambiamenti climatici di Glasgow. I 150.000 paragrafi contengono opinioni diverse ma ottimistiche sui risultati reali attesi dalla COP26. La ricerca mostra che gli investitori professionali si aspettano che questa volta vengano raggiunti accordi coordinati, significativi e fattibili sulla politica climatica”.

Obiettivi climatici ambiziosi

Gli asset manager hanno menzionato le emissioni di CO2 nel 33% delle loro pubblicazioni ESG quest’anno, rispetto al 6% del 2016. Secondo l’analisi dei testi, si concentrano per lo più sulla definizione di obiettivi a medio termine per la proporzione dei loro investimenti da gestire in linea con una politica netta zero. Spesso citano il 2025 e il 2030 come date obiettivo. La maggior parte dei gestori dicono che stanno lavorando su obiettivi net zero più dettagliati per i loro investimenti. La ricerca ha trovato molteplici menzioni di “roadmap” e “framework” per le emissioni nette zero nelle loro pubblicazioni.

Combinare gli obiettivi climatici e i piani di recupero post-Covid è spesso citato come un’opportunità per “costruire di nuovo meglio”. Si aspettano un quadro migliore per l’assistenza finanziaria e tecnica per aiutare i paesi a basso reddito a contribuire agli obiettivi climatici.

Secondo l’analisi delle pubblicazioni dei gestori patrimoniali, non solo gli asset manager si aspettano di diventare più precisi nel modo in cui contribuiscono a un mondo ad emissioni nette zero, ma anche i paesi dovranno diventare più dettagliati nel modo in cui pianificano di raggiungere la neutralità di carbonio. Le tabelle di marcia per settore o industria con chiari obiettivi (provvisori) sono modi comunemente citati per raggiungere questo obiettivo.

Crescita dei titoli “verdi

Le pubblicazioni sugli investimenti responsabili degli asset manager mostrano un ampio consenso sulla crescita dei titoli verdi. Un’offerta crescente di nuovi titoli green può far scendere il prezzo dei titoli simili esistenti, come le obbligazioni verdi e le azioni a impatto. Tuttavia, i gestori prevedono che la nuova offerta sarà assorbita dall’aumento della domanda complessiva, dal momento che aumenta l’attenzione sul cambiamento climatico.

NN IP attualmente prevede che l’emissione di green bond salirà del 25% nel 2022 a circa 500 miliardi di euro, e il totale potrebbe essere ancora più alto a seconda di quanto velocemente l’UE cercherà di emettere più obbligazioni verdi. Anche le obbligazioni sociali e di sostenibilità dovrebbero vedere un aumento significativo delle emissioni l’anno prossimo.

La COP26 crea un cambiamento nel sentiment

Molti asset manager hanno già iniziato ad annunciare obiettivi di emissioni nette zero. Questo accelererà intorno alla COP26. Gli investitori sono anche sempre più concentrati sulla valutazione dei loro portafogli da una prospettiva di rischio climatico. Un risultato della COP26 potrebbe benissimo essere uno spostamento permanente del sentiment verso i settori ad alta intensità di gas serra.

Adrie Heinsbroek, Chief Sustainability Officer di NN Investment Partner commenta: “Speriamo che la COP26 porti a nuovi impegni sugli obiettivi finanziari sul clima, ambizioni più elevate da parte delle principali economie in linea con l’accordo di Parigi e contributi più forti dai paesi che sono rimasti indietro. Qualunque sia il risultato, resteremo fermi nei nostri impegni sul clima e continueremo a collaborare con altri partecipanti al mercato”.

“Abbiamo un ruolo chiave nel finanziare la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio e nel combattere il riscaldamento globale. Annunceremo a breve quanto dei nostri asset in gestione sarà allineato all’obiettivo di raggiungere emissioni nette zero entro il 2050 come parte della Net Zero Asset Manager Initiative.”

Fonte: AdvisorWorld

Articoli Simili

Robeco: il ‘verde’ è il nuovo colore in tendenza, anche per i mercati emergenti

Redazione

Schroders: COP26, l’importanza di una “transizione giusta”

Redazione

Mirabaud AM : COP26: stress idrico e opportunità ESG

Redazione