AdvisorWorld.it

Mirabaud ottiene il rating massimo di A+

Aeschlimann Lionel Mirabaud

Mirabaud comunica il miglioramento del proprio rating nei PRI. Il punteggio A+ ricevuto posiziona il Gruppo al di sopra della media di settore, essendosi distinto in ognuna delle categorie prese in considerazione…..…

A cura di Anu Narula, Head of Global Equities di Mirabaud AM


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Firmatario dei PRI delle Nazioni Unite dal 2011, grazie alle proprie strategie di investimento sostenibile, quest’anno il Gruppo ha ottenuto il rating A+, punteggio superiore alla media.

Mirabaud ha infatti superato il benchmark in tutti i moduli presi in esame, migliorando il punteggio dello scorso anno.

 “Il punteggio ottenuto, di gran lunga superiore alla media, riflette la nostra expertise nell’ambito degli investi­menti sostenibili, campo in cui Mirabaud è attivo da diversi anni, con un impegno che è il cuore del nostro DNA, oltre che nell’interesse di lungo termine dei nostri stakeholder”, afferma Lionel Aeschlimann, CEO di Mirabaud Asset Management.

Hamid Amoura, Responsabile degli Investimenti Sostenibili di Mirabaud, aggiunge: “Questo ottimo risultato è ancor più significativo dal momento che negli ultimi anni i Principi d’Investimento Responsabile hanno avuto sempre più rilevanza per gli investitori.”

 “Quest’anno il Report PRI dell’ONU riconosce e premia i passi intrapresi da Mirabaud per rafforzare e miglio­rare il proprio approccio ESG trasversalmente in tutto il Gruppo”, dichiara Camille Vial, Managing Partner di Mirabaud SCA e Presidente del Comitato Esecutivo di Mirabaud & Cie SA:

PRI valuta i firmatari della carta sulla base della loro implementazione dei sei Principi per l’Investimento Responsabile:

  1. Integrare le tematiche ESG nell’analisi e nei processi decisionali riguardanti gli investimenti.
  2. Essere azionisti attivi e incorporare le tematiche ESG nelle nostre politiche e nelle nostre pratiche di azionariato attivo.
  3. Chiedere un’adeguata comunicazione relativamente alle tematiche ESG da parte degli enti nei quali investiamo.
  4. Promuovere l’accettazione e l’applicazione dei Principi nel settore finanziario.
  5. Collaborare per migliorare la nostra efficacia nell’applicazione dei principi.
  6. Comunicare le nostre attività e i progressi compiuti nell’applicazione dei principi

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

IWBank Private Investments: 6 nuovi ingressi di peso

Falco64

Ambrosetti Am Sim Necessaria cautela: volatilita’ in aumento

Falco64

CANDRIAM registra patrimonio in gestione ai massimi storici

Falco64