AdvisorWorld.it
Image default

MG – Stati Uniti, dati economici in caduta libera

L’ultimo mese È stato un film dell’orrore per la più grande economia del mondo, e le cose sono ancora peggiorate stando ai dati resi pubblici il primo giugno e da quanto riportato ieri da Bernanke. Sembra infatti che di recente anche il più insignificante dato sulla salute dell’economia statunitense abbia deluso le aspettative. I prezzi delle case sono diminuiti più del 5% quest’anno rispetto…


di Michael Riddell, team fixed income di M&G Investments


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da IFAWorld iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.

Clicca qui per iscriverti gratuitamente


all’anno passato, le vendite delle nuove costruzioni sono crollate così come quelle delle case già  esistenti, il timido trend di miglioramento nel numero di disoccupati si È arrestato, il PIL nel primo trimestre non È stato rivisto al di sopra dello 0.4% previsto, gli ordini di beni durevoli sono diminuiti, e le indagini sull’attività  manifatturiera condotte dalla Philadelphia Fed, dalla Richmond Fed e dalla Chicago Fed si sono dimostrate tutte deludenti. Tutto questo solo la settimana scorsa.

La sfilza di dati economici deludenti È stata fotografata dall’indice Citigroup Economic Surprise Index sugli Stati Uniti. Un valore al di sopra dello zero riflette una ‘sorpresa’ in positivo dai dati economici, mentre un valore al di sotto dello zero constituisce una ‘sorpresa’ in negativo. La brusca virata da un’area positiva – come si È visto all’inizio dell’anno – a un’area negativa È un indicatore negativo almeno quanto il crollo dei dati economici dell’ottobre 2008.

Ho sovrapposto l’indice di sorpresa dei dati economici con i rendimenti dei Treasury a dieci anni (da notare che l’indice di ‘sorpresa’ di Citigroup non tiene conto dei terribili dati sull’occupazione resi noti da ADP e quelli dell’indice ISM manifatturiero). La correlazione tra indice di ‘sorpresa’ economica e rendimenti dei treasuries È molto stretta, quindi la lezione È che qualunque sia la propria view macroeconomica di lungo termine circa iperinflazione o deflazione o qualunque sia il rischio di un default degli USA – e non nego che ciascuna di queste opzioni sia possibile – la verità È che se si vuole avere una view realistica sui prezzi delle emissioni governative, la cosa migliore È guardare i dati economici e controllare quale sia la situazione. E attualmente, i dati economici suggeriscono che per quanto sia misero un rendimento del 3% su un Treasury a dieci anni, il rendimento dovrebbe probabilmente essere un po’ più basso in considerazione di quanto sta accadendo all’economia degli Stati Uniti. Si dovrebbe iniziare a pensare anche in quale momento i mercati degli asset rischiosi inizieranno a risentirne.

Fonte: IFAWorld – M&G Investments


Articoli Simili

Capital Group: Gli eSports battono il Super Bowl

Falco64

AXA Investment Managers Borse, vedremo rally di fine anno?

Falco64

Robeco : Racconto di due scenari

Falco64