AdvisorWorld.it
Lesser Hannaway Rayna iM Global Partner

iM Global Partner : Più le aziende sono piccole, più grandi sono le idee

iM Global Partner : Le aziende più piccole sfruttano la trasformazione digitale per salire di livello


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura di Rayna Lesser Hannaway, gestore del fondo OYSTER US Small and Mid Company Growth (iM Global Partner)


La pandemia globale ha accelerato inevitabili trend strutturali, stimolando una nuova era nel commercio elettronico e una rapida evoluzione dell’economia virtuale.

Questa trasformazione digitale ha anche creato un paesaggio darwiniano, dove i forti si stanno rafforzando. In questo mondo, le piccole e medie imprese con una visione audace e forti capacità di gestione sono state beneficiarie sproporzionate, poiché traggono vantaggio dai cambiamenti indotti dalla pandemia.

Le aziende più piccole hanno capitalizzato sulle innovazioni tecnologiche per crescere e attingere a pool di talenti un tempo inaccessibili. In precedenza, quando le organizzazioni senza una rete di sedi globali desideravano assumere talenti, erano vincolate alle rispettive aree. Ora, la maggiore adozione della tecnologia digitale e delle videoconferenze ha contribuito a creare condizioni di parità e ha consentito alla direzione di accedere ai talenti in tutto il mondo in modo semplice ed economico.

Questo non è solo vantaggioso per le aziende, ma è interessante per i potenziali dipendenti che desiderano sfruttare la tendenza di una maggiore flessibilità sul posto di lavoro. Questo cambiamento strutturale consente alle aziende a piccola capitalizzazione di competere direttamente con le multinazionali, che in precedenza avevano vantaggii offrendo l’accesso alle capitali e ai principali hub del mondo.

La digitalizzazione può anche facilitare una connessione più profonda tra le aziende più agili ei loro clienti. Il mondo virtuale consente lo sviluppo di modelli di business più snelli e redditizi basati sull’innovazione e sul coinvolgimento, migliorando i percorsi dei clienti.

Più le aziende sono piccole, più grandi sono le idee

Per le piccole e medie imprese il potenziale di crescita può trasformarle. La catena di ristoranti americana Wingstop ha sfruttato la digitalizzazione per offrire ai clienti un valore maggiore durante la pandemia. Prima dell’epidemia di Covid, l’azienda ha esplorato tutte le opzioni di servizi online abilitate dalle ultime innovazioni digitali e ha sviluppato un modello in cui la maggior parte delle entrate è generata dai clienti che non mangiano nel ristorante.

Ciò ha posto l’azienda in una posizione eccellente per servire clienti nuovi ed esistenti con l’arrivo della pandemia. Inoltre, l’azienda è guidata da un team di gestione con un approccio audace ma solido.

Un altro buon esempio è RH, un’azienda americana di mobili per case di lusso. L’azienda va oltre la semplice vendita di mobili di alta qualità; si concentra sulla creazione di esperienze uniche per i clienti, fornendo esperienze memorabili e cruciali condivisibili.

Questa offerta esperienziale riduce anche al minimo i budget di marketing e social media, poiché i clienti pubblicizzano il marchio attraverso il passaparola. Pensando a come i clienti possono interagire meglio con il loro marchio e fornendo loro gli strumenti per farlo, l’azienda ha creato una profonda connessione con i clienti e ha alimentato la propria crescita in un periodo turbolento.

A cosa guardiamo

Cerchiamo aziende che dimostrino guadagni robusti guidati da una crescita sostenibile dei ricavi, alti ritorni sul capitale, “comportamenti gestionali comprovati e prodotti o servizi potenti guidati da una visione a lungo termine”. Se uno qualsiasi di questi indicatori è assente, l’impresa presenta un rischio a lungo termine.

Questo approccio multiforme è fondamentale. In uno scenario come una pandemia in cui la maggior parte delle aziende subisce perdite degli utili, diventa più difficile fare confronti e fare proiezioni a lungo termine.

Una crisi funge da pentola a pressione per i comportamenti del management, rivelando in breve tempo come un’azienda interagisce con gli azionisti in periodi di stress e instabilità del mercato. Rivela anche se la leadership prenderà decisioni di crescita a lungo termine. Quando la marea si alza, possiamo vedere chi ha gestito con visione strategica.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Franklin Templeton – Value e Growth: la dicotomia indivisibile

Redazione

T. Rowe Price: Azionario USA, puntare sulle small-cap senza snobbare i grandi nomi tech

Redazione

GAM: Non è tutt’oro …

Redazione