AdvisorWorld.it
Image default

H: Bill McQuaker: a cosa gli investitori dovrebbero prestare attenzione?

Il rally dei mercati azionari iniziato con il nuovo anno sta continuando anche a febbraio. Tuttavia, la sua forma è leggermente diversa: abbiamo visto una ricerca più equilibrata dell’azionario piuttosto che quell’ossessione verso i titoli finanziari e ciclici che ha caratterizzato la prima parte dell’anno. Le condizioni della liquidità, mutate in seguito al LTRO della BCE, si sono combinate con i posizionamenti abbastanza estremi già presenti alla fine dell’anno scorso e hanno prodotto questo rally.….



Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da IFAWorld iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Parlando delle prospettive da qui in avanti, non sarebbe una sorpresa vedere un consolidamento. Abbiamo visto una crescita abbastanza significativa nell’ordine del 15%, anche 20% nei mercati emergenti, e si tratta senza dubbio di un cambiamento significativo.

Parlando invece di ciò a cui bisognerebbe fare attenzione nel prossimo futuro, ritengo che gli elementi da tenere d’occhio siano tre. Il primo e più ovvio è ancora una volta l’Europa. La Grecia sta facendo il possibile per arrivare a un qualche tipo di accordo sul prossimo round di misure di austerità e sul rifinanziamento. E gli altri paesi, Spagna e Portogallo in particolare, richiedono anch’essi un certo livello di attenzione, considerando l’avvio dell’austerity e il rischio che la dinamica del debito di questi paesi si deteriori con il sopraggiungere della recessione.

Un secondo elemento è il prezzo delle commodity. Il prezzo del petrolio è ancora alto in modo preoccupante, sta aumentando e richiede senza dubbio una particolare attenzione. Nel 2008, e poi ancora nel 2011, la ripresa della crescita economica era stata bloccata dall’aumento del prezzo del petrolio. Che ora sta di nuovo salendo, e quindi è certamente tra gli elementi da tenere d’occhio.

In terzo luogo, la Cina, dove si riscontra un certo rallentamento e la presenza di una certa speranza/attesa che le autorità faciliteranno la ripresa nel petrolio e nelle commodities. Essa potrebbe iniziare a mettere in discussione anche quel modello di sviluppo. Ecco i tre elementi a cui prestare attenzione.

Un’ultima osservazione: fin qui il 2012 è stato una copia del 2011 e l’anno scorso è stato proprio intorno alla metà di febbraio che la situazione è mutata in peggio. Chiaramente quest’anno speriamo che i fattori negativi che hanno cominciato a rivelarsi in questo mese non vadano a caratterizzare i mercati per tutto l’anno.

Fonte: IFAWorld – Henderson Global Investors


Articoli Simili

Sfruttare i vantaggi offerti dalle crescenti classi medie asiatiche

Falco64

GAM: Cina, conta più la politica o le relazioni con gli Stati Uniti?

Falco64

La Financière de l’Echiquier – Stati Uniti, Dopo le elezioni di mid-term

Falco64