AdvisorWorld.it

H – Analisi sul possibile downgrade degli Stati Uniti

- AMERICA 4

Si aspetta un default degli Stati Uniti? Perché o perché no?
No, non ci aspettiamo un default degli Stati Uniti. Siamo certi che essere un politico americano che in qualche modo potrebbe essere tacciato in futuro di avere permesso che il default si verificasse sia davvero una pessima strategia politica, e considerando che i politici agiscono nella maggior parte dei casi secondo una loro precisa strategia, è davvero…

Commento settimanale a cura di Antony Gifford, co-manager del fondo Henderson Horizon American Equity


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da IFAWorld iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente

improbabile che i politici americani permetteranno che questo accada. La prova storica di questo è il grave danno alla carriera politica di Newt Gingrinch che negli anni ’90 aveva cercato di mettere in cattiva luce il Presidente Clinton usando strumentalmente la stessa questione. Tuttavia, ci aspettiamo che questi confronti a livello politico possano preludere a una politica fiscale più sostenibile, e anche se potrebbe sembrare troppo ottimistico rispetto alla storia passata, pensiamo che in questo momento si stiano facendo scelte dalle quali sarà poi difficile tornare indietro. Una politica fiscale più sostenibile significherebbe una crescita economica più lenta nel breve termine, ma un’economia USA più in salute nel lungo.

Cosa significherebbe per i vostri fondi se gli Stati Uniti perdessero il rating AAA?

E’ difficile prevedere quali potrebbero essere le conseguenze di un downgrade degli Stati Uniti dal rating tripla A, perché sicuramente ne scaturirebbe una complicata serie di eventi a catena. L’ipotesi è comunque che i rendimenti dei Treasury aumenterebbero, forse insieme al prezzo richiesto per gli asset di rischio. Questo porterebbe, almeno all’inizio, ad un trend negativo nell’azionario, perché visto appunto come investimento più a rischio. L’impatto che il downgrade avrebbe sul dollaro è meno chiaro, ma probabilmente sarebbe comunque negativo nonostante l’attrattiva maggiore data dai tassi più alti.

Il nostro portfolio presenta un mix diversificato di società che abbiamo selezionato attentamente e ritenuto abbastanza stabili da prosperare nella maggior parte dei contesti economici: quindi anche in un periodo di possibile volatilità, non ci aspettiamo un impatto significativo per le performance del portfolio.

Fonte: ETFWorld – Henderson Global Investors

Articoli Simili

East Capital: il connubbio tra mercati di frontiera e ESG

Falco64

GAM: Whatever it takes…until when?

Falco64

Robeco: Azionario, la chiave resta l’intesa tra USA e Cina

Falco64