AdvisorWorld.it
Ramachandran Swetha GAM lusso investimenti

GAM: siamo alla fine di un ciclo?

GAM. Alcuni dei gestori di GAM sull’eventualità dell’essere prossimi alla fine di un ciclo e sulle implicazioni per le asset class che seguono………


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Swetha Ramachandran – Investment Manager, azioni del settore lusso di GAM

La fase del ciclo in cui ci troviamo non ha la stessa rilevanza per il settore del lusso poiché è caratterizzato da due forze contrastanti: la tematica strutturale, ovvero i consumi del ceto medio nei mercati emergenti, abbinata alle oscillazioni a breve termine del ciclo economico.

In questo momento sembra che il primo sia il fattore ciclico prevalente.

Le prospettive restano a nostro giudizio positive.

Con questo non vogliamo dire che il settore del lusso sia immune al ciclo economico.

Chiaramente nel 2009 c’è stata una brusca frenata di breve durata ma il settore ha recuperato velocemente.

Oggi prestiamo particolare attenzione alle valutazioni. Riteniamo che gli utili restino sostenuti ma verifichiamo quale sarebbe il giusto prezzo da pagare.

Mondani Gianmarco GAMGianmarco Mondani – Investment Director, azioni europee non direzionali di GAM

Non è un segreto che tutte le statistiche economiche disponibili indicano un rallentamento su scala globale che si riflette nelle stime degli utili.

Per esempio, quest’anno un’azienda europea dovrebbe crescere del 2%, mentre all’inizio dell’anno ci si aspettava una crescita del 10%.

Credo che in tale contesto sia molto importante concentrarsi sulle aziende giuste, quelle che nel lungo termine possono crescere e riservarci qualche sorpresa positiva, anche se mediamente le aziende sul mercato non stanno crescendo affatto.

Eggmann Christophe GAMChristophe Eggmann – Investment Director, azioni del settore sanitario di GAM

Col termine “fine ciclo” generalmente si fa riferimento al ciclo economico. Nel settore sanitario, la situazione è leggermente diversa.

In questo caso ciò che conta è il ciclo di prodotto, che dipende dalla scienza, dalla ricerca e sviluppo e dalle nuove tecnologie.

Stiamo assistendo a un’ondata senza precedenti di innovazioni e ci aspettiamo che molti più prodotti sbarcheranno sul mercato nei prossimi anni.

Se ci riferiamo ai prodotti, direi dunque che ci troviamo a metà del ciclo corrente.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

DPAM : Perché il futuro del real estate è sostenibile

Redazione

Comgest: continua la ripresa in Cina ma occhio al fattore geopolitico

Redazione

Cirdan Capital La grande rotazione verso i titoli value

Redazione