AdvisorWorld.it
fca

FCA Tra due venti e la recessione

FCA Tra due venti. I venti di recessione non fanno bene al settore auto, con il titolo FCA scivolato ai minimi da due anni ma che potrebbe trovare supporto dalle nuovi voci sulla maxi fusione con Renault………

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Articolo tratto da X-press Trends – Deutsche Asset & Wealth Management – del 23 Agosto 2019


Il Bonus Cap su FCA di Deutsche Bank permetterà all’investitore di ottenere 132 euro qualora FCA non scenderà mai a toccare la barriera, posta a 8,31 euro e distante oltre 27 punti percentuali dalle attuali quotazioni, nelle sedute che mancano alla scadenza del 19 febbraio 2021.

Acquistando il prodotto a 104,20 euro, la performance potenziale a scadenza è pari al 26,7 per cento.

Se invece FCA scenderà fino alla barriera, l’investimento si concluderà in positivo solo se il titolo si riporterà sopra lo strike.

Italia, fine corsa per il governo Conte. Cinque giorni per un accordo o voto. L’Argentina rivede lo spettro del default.

> ITALIA – Martedì 20 agosto si è chiusa l’esperienza del governo M5S-Lega con il premier Giuseppe Conte che ha rassegnato le dimissioni al presidente della Repubblica. Il discorso in Senato di Conte è stato un duro attacco al vicepremier Salvini, che aveva aperto la crisi a inizio agosto.

> SCENARI – Dopo il primo giro di consultazioni, il presidente Sergio Mattarella ha concesso cinque giorni ai partiti per trovare un accordo, altrimenti si aprirà la strada del voto anticipato. Sul tavolo il negoziato tra PD e M5S, mentre la Lega potrebbe tentare di ricucire con gli ex alleati grillini.

> ARGENTINA – Di nuovo sull’orlo del baratro con la Borsa di Buenos Aires a picco e i Cds sul debito alle stelle. Secondo Alberto Fernandez, che alle primarie ha sconfitto l’attuale presidente Mauricio Macri in vista delle elezioni di fine ottobre, il Paese sudamericano è già virtualmente in default.

> GERMANIA – In un mondo di tassi negativi, i Bund tedeschi segnano un nuovo record. Per la prima volta il rendimento dei titoli trentennali emessi sul mercato primario è scivolato sottozero, per la precisione pari a meno 0,11 per cento. La domanda è stata la più debole dal 2011.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Rand sudafricano Nel mirino

Redazione

FCA Giornate calde

Redazione

Petrolio Giusta partenza nel mese di dicembre

Redazione