AdvisorWorld.it
porsche intesa sanpaolo carrefour enel telecom italia Euro STOXX Banks unicredit fca eni

Eni In balia dei conti del terzo trimestre

Eni sarà influenzata dai risultati del terzo trimestre, usciti questa mattina e che hanno evidenziato una produzione in aumento e debolezza negli utili a causa dell’andamento del petrolio………………..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Articolo tratto da X-press Trends – Deutsche Asset & Wealth Management – del 25 Ottobre 2019


Deutsche Bank mette a disposizione un Bonus Cap su Eni con scadenza fissata il 19 febbraio 2021.

Se entro questa data il titolo non scivolerà fino alla barriera, posta a 10,23 euro e distante il 27,6 per cento dalle attuali quotazioni, l’investitore otterrà 113 euro.

Acquistando il prodotto a 105,40 euro, la performance potenziale a scadenza è pari al 7,2 per cento.

Se invece Eni scenderà fino a 10,23 euro, l’investimento si concluderà con delle perdite a meno che il titolo non ritornerà sopra lo strike.

Passaggio di testimone alla guida della Bce. Finisce l’era Draghi, subentra Lagarde. A Piazza Affari inizia la stagione delle trimestrali.

> BCE – Mario Draghi lascia dopo otto anni la guida della Bce confermando i tassi a zero e l’avvio di un QE in novembre da 20 miliardi al mese, che verrà spento solo poco prima di un rialzo dei tassi. Ora sarà Christine Lagarde a prendere le redini dell’Eurotower.

> PIAZZA AFFARI – La stagione delle trimestrali parte col piede giusto a Piazza Affari. I conti di Saipem e STM hanno convinto il mercato. Il gruppo dei chip ha riportato ricavi in crescita del 17,5 per cento, mentre Saipem è tornata all’utile per 44 milioni di euro.

> ITALIA – Trenta miliardi di maggiori spese e 15 di entrate. È questo lo schema della Manovra che comprende taglio del cuneo fiscale, rivalutazione delle pensioni tra 1.500 e 2.000 euro, sugar e plastic tax, tassa sulle sigarette e abolizione del superticket.

> BREXIT – Consenso tra i 27 Paesi dell’Unione sull’opportunità di concedere un’estensione della data della Brexit per evitare il no deal. Non è esclusa l’eventualità di un vertice europeo straordinario. Il premier Johnson ha proposto elezioni anticipate il 12 dicembre.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Rand sudafricano Nel mirino

Redazione

FCA Giornate calde

Redazione

Petrolio Giusta partenza nel mese di dicembre

Redazione