AdvisorWorld.it
DWS

DWS Concept ESG Blue Economy: un fondo azionario concentrato sulla tutela degli oceani

DWS : Con il DWS Concept ESG Blue Economy, DWS amplia la sua gamma di prodotti tematici ESG grazie a un nuovo fondo azionario con un orizzonte globale di investimento.


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


  • L’obiettivo del fondo sarà sostenere la “Blue Economy” e avere un effetto positivo sulle azioni responsabili delle aziende
  • Focus su aziende legate agli ecosistemi costieri e marini
  • Partnership: DWS si affida all’esperienza del WWF nella protezione marina

L’obiettivo del fondo, gestito da Paul Buchwitz e disponibile in Italia dal prossimo 9 giugno, sarà sostenere la “Blue Economy” e avere un impatto positivo sulle iniziative sostenibili delle aziende. Il focus sarà quindi principalmente su azioni di società legate agli ecosistemi costieri e marini.

I seguenti dati chiariscono quanto potenziale esista nell’economia blu: “L’economia blu dovrebbe crescere due volte più velocemente dell’economia tradizionale entro il 2030”, dice Paul Buchwitz in vista dell’Oceans Day dell’8 giugno 2021. Il World Wide Fund for Nature (WWF) stima il valore globale dei beni legati all’oceano a circa 24 trilioni di dollari. E il “prodotto oceanico lordo” annuale degli oceani, con 2,5 trilioni di dollari, è così grande che collocherebbe la Blue Economy all’ottavo posto tra le più grandi economie del mondo.

A causa dell’enorme importanza degli oceani, non solo come risorsa economica, ma anche per la conservazione degli ecosistemi e della biodiversità, la United Nations Environment Programme Finance Initiative (UNEP FI), insieme al WWF, ha definito dei criteri per cinque settori legati agli oceani che il DWS Concept ESG Blue Economy ha già integrato nel processo di investimento.

Focus sulla salute dell’ecosistema marino

Il focus del fondo sarà, ad esempio, su aziende che contribuiscono a frenare l’acidificazione degli oceani, ridurre l’inquinamento marino o si impegnano nell’uso sostenibile delle risorse marine, degli ecosistemi e della pesca sostenibile.

Saranno incluse aziende che contribuiscono alla salute degli oceani e si concentrano sul consumo sostenibile, riducendo le emissioni di anidride carbonica e prevenendo l’inquinamento delle acque. È inoltre previsto un focus sui settori dipendenti dall’oceano come la navigazione e i porti, l’energia e le risorse, il turismo costiero e l’acquacoltura.

Stretto dialogo con le aziende

“Investiremo in aziende che offrano soluzioni per aiutare la Blue Economy a diventare più sostenibile.

Tuttavia, l’attenzione si concentrerà anche sulle aziende che utilizzino l’oceano come risorsa e che abbiano già iniziato a trasformare i loro modelli di business o dimostrino la loro volontà di agire in modo più sostenibile in futuro”, spiega Buchwitz. “Inoltre, vogliamo entrare in confronto serrato con aziende che hanno un chiaro impatto negativo sull’oceano e non hanno ancora intrapreso la strada giusta”.

Percorso e impegno in collaborazione con il WWF

Nell’ambito del fondo, DWS potrà contare su una partnership con il WWF, la più grande organizzazione indipendente al mondo per la protezione ambientale.

“Non vediamo l’ora di lavorare a stretto contatto per fissare obiettivi di sostenibilità concreti e misurabili per le aziende, in modo da documentarli, rivederli e valutarli regolarmente”, dice il gestore del portafoglio.

Parisa Shahyari, economista del WWF aggiunge: “Reindirizzando i flussi di capitale verso modelli di business sostenibili, l’industria finanziaria possiede una enorme leva che può essere utilizzata per proteggere il pianeta. Applicando i criteri di conservazione marina alle aziende, possiamo lavorare con DWS per spingere la transizione delle industrie legate al mare. Il fatto che DWS, come investitore, possa usare i suoi diritti di voto o attirare l’attenzione sull’urgenza della transizione da modelli di business non sostenibili nelle discussioni con i responsabili delle decisioni è particolarmente rilevante.”

Grazie alla partnership con il WWF, DWS espanderà ulteriormente il suo precedente impegno per la conservazione marina. Tra le altre cose, dal 2019 il Gruppo sostiene l’organizzazione Healthy Seas per liberare gli oceani del mondo dalle reti fantasma.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Robeco lancia il Next Digital Billion Fund

Redazione

Zurich lancia il primo fondo azionario a zero emissioni

Redazione

Capital Group lancia il Capital Group American Balanced Fund (LUX) per gli investitori in Europa e Asia

Redazione