AdvisorWorld.it
DWS

Deutsche Bank e Green Climate Fund sottoscrivono un accordo

Deutsche  Bank  e  Green  Climate  Fund  sottoscrivono  un  accordo alla  COP26  per  investire  in  soluzioni  di  decarbonizzazione  per l’Africa sub-sahariana

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


DWS realizzerà il programma di investimento in energia rinnovabile

Deutsche Bank e Green Climate Fund (GCF) hanno sottoscritto oggi un accordo che impegna GCF  a  contribuire  con  80  milioni  di  dollari  come  seed  e  anchor  investor  di  un  programma  di investimento in energie rinnovabili. DWS, asset manager indipendente di proprietà maggioritaria di  Deutsche  Bank,  sarà  l’esecutore, impegnandosi a  contribuire  con  il  3%  dell’investimento previsto di 500 milioni di dollari. Il programma sarà implementato nell’Africa sub-sahariana dal team di investimenti sostenibili di DWS. La firma ha avuto luogo durante una cerimonia ufficiale tenutasi alla COP26 di Glasgow, ospitata da Deutsche Bank alla presenza di rappresentanti di tutte e tre le istituzioni.

Il  programma  di  investimento  in  energia  verde  è  un  veicolo  di  finanza  mista  riconosciuto  dal SFDR9.  E‘  orientato  ad  investimenti  in  soluzioni  energetiche  innovative  per  sostenere  la decarbonizzazione della produzione di energia per l’industria e le famiglie nei paesi dell’Africa sub-sahariana che hanno confermato il loro sostegno al programma. Quest’ultimo si concentrerà sui mercati in cui la fornitura di elettricità è inefficiente, eccessivamente costosa e insufficiente a sostenere una rapida crescita economica. Inoltre, sosterrà lo spostamento della produzione  di  elettricità  dalle  centrali  elettriche  centralizzate  su  larga  scala  alla  produzione decentralizzata di energia rinnovabile più vicina ai punti di consumo.

Questo programma investirà nella produzione di energia rinnovabile, permettendo alle PMI e ai consumatori  di  accedere  a  un’energia  affidabile  ed  economicamente  accessibile.  Sono  stati definiti  degli  obiettivi  per  monitorare  i  progressi  nel  corso  del  periodo  di  investimento,  per misurare  i  contributi  alla  conversione    del  mercato  verso  un  approvvigionamento  energetico neutrale in termini di gas a effetto serra all’interno dei paesi obiettivo.

GCF – elemento chiave dello storico Accordo di Parigi – è il più grande fondo climatico mondo, incaricato di sostenere i paesi in via di sviluppo ad aumentare e realizzare le proprie ambizioni in termini di Contributi Determinati a livello Nazionale (NDC) verso percorsi di sviluppo a basse emissioni e resilienza climatica. Questo programma è stato sviluppato in stretta collaborazione con GCF per riflettere i suoi standards e le sue policy, nonché per massimizzare l’impatto positivo sul clima.  

Henry Gonzalez, Director Private Sector Facility di GCF ha così commentato: “Questa firma del Funded Activity Agreement segna l’inizio del primo programma tra GCF e Deutsche Bank, dimostrando l’impegno reciproco nel mobilitare il settore privato per l’azione sul clima. L’energia rinnovabile  decentralizzata  è  una  soluzione  essenziale  nel  continente  africano  per  ridurre  le emissioni nelle economie rurali in via di sviluppo e per realizzare benefici congiunti economici e sociali.  Il  GCF  è  lieto  di  agire  come  investitore  di  riferimento  nel  programma  e  guarda  nella direzione  di  una  partnership produttiva  con Deutsche  Bank nel  catalizzare investimenti privati per l’azione sul clima.

Andrew Pidden, Head of Sustainable Investments di DWS, ha sottolineato: “Siamo entusiasti di iniziare questa fase operativa della nostra relazione con il GCF. E’ costruita sul nostro track-record  di lavoro ventennale con gli investitori del settore pubblico e  mostra le competenze   negli investimenti  ada  impatto  di  DWS.  Restiamo  impegnati  a  realizzare  gli  obiettivi  del  GCF  e  ad investire in un mercato in crescita come quello africano, ancora in grado di evitare l’uso di fonti di energia carbon-based come elemento primario per la produzione di energia” – aggiungendo – “Il  programma  farà  leva  sull’intera  capacità  ed  l’esperienza  del  nostro  team  di  investimenti sostenibili  per  gestire  veicoli  di  blended  finance  (finanza  mista),  riconosciuti  dall’OCSE  come strumenti efficaci per sostenere la transizione verso economie più sostenibili.”

Kamran  Khan,  Head  of  ESG  for  Asia  Pacific  di  Deutsche  Bank  ha  concluso:  “La  finanza mista  può  avere  un  impatto  catalizzatore  sulla  crescita  sostenibile  nei  mercati  emergenti.

Investimenti mirati e commercialmente validi nelle economie in via di sviluppo come l’Africa sub-sahariana  richiedono  una  profonda  esperienza  settoriale/regionale  e  competenze  di  elevato livello mondiale negli investimenti ad impatto. Siamo orgogliosi di giocare un ruolo nel portare il più grande fondo per il clima del mondo a investire nelle energie rinnovabili per creare un futuro più sostenibile per l’Africa sub-sahariana e contribuire alla crescita economica della regione”.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Robeco: il ‘verde’ è il nuovo colore in tendenza, anche per i mercati emergenti

Redazione

Schroders: COP26, l’importanza di una “transizione giusta”

Redazione

Mirabaud AM : COP26: stress idrico e opportunità ESG

Redazione