AdvisorWorld.it

Delibera n. 17862 del 10 luglio 2011: Misure relative alla comunicazione delle posizioni nette corte

Misure relative alla comunicazione delle posizioni nette corte su titoli azionari…

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA’ E LA BORSA

 

VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni;

 

VISTO l’articolo 74, commi 1 e 3, del decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998, che assegna alla Consob il compito di vigilare sui mercati regolamentati al fine di assicurare la trasparenza, l’ordinato svolgimento delle negoziazioni e la tutela degli investitori adottando, in caso di necessità e urgenza e per le finalità indicate, i provvedimenti necessari;

 

CONSIDERATA l’importanza, ai fini di assicurare l’integrità dei mercati e l’ordinato svolgimento delle negoziazioni, di una pronta informativa all’Autorità delle posizioni nette corte sui titoli azionari;

 

CONSIDERATO che in ambito comunitario sono in corso di approvazione regole armonizzate in materia di trasparenza e reporting delle posizioni nette corte su strumenti finanziari;

 

CONSIDERATE le misure attualmente in vigore in Francia, Repubblica Federale di Germania e Regno Unito, in materia di reporting delle posizioni nette corte su titoli azionari;

 

CONSIDERATE le eccezionali condizioni di mercato e, in particolare, l’elevata volatilità dei prezzi e l’andamento delle negoziazioni nelle sedute del 24 giugno e dell’8 luglio 2011;

 

CONSIDERATO che l’assenza in Italia di obblighi di comunicazione in materia di posizioni nette corte potrebbe acuire la pressione speculativa sui titoli negoziati sui mercati regolamentati italiani;

 

RITENUTO che per garantire l’ordinato svolgimento delle negoziazioni e la tutela degli investitori, sia necessario e indifferibile, tenuto conto dell’evolversi della situazione di mercato, introdurre temporaneamente obblighi di comunicazione alla Consob delle posizioni nette corte detenute su titoli azionari;

 

D E L I B E R A

  1. Coloro che detengono una posizione netta corta in relazione al capitale degli emittenti il cui mercato azionario principale sia un mercato regolamentato italiano, ne danno comunicazione alla Consob, quando tale posizione raggiunge o scende al di sotto delle soglie di comunicazione, in conformità alle istruzioni allegate.

  2. Per soglie di comunicazione si intendono lo 0,2% del capitale dell’emittente e ogni successiva variazione pari o superiore allo 0,1%.

  3. Le presenti disposizioni non si applicano all’attività posta in essere, nello svolgimento della propria funzione, dai market maker nonché all’attività posta in essere nello svolgimento della propria funzione nei mercati regolamentati dagli specialisti, così come definiti nel Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana SpA, e da intermediari che operano in esecuzione di un contratto di liquidità sottoscritto con l’emittente(1) (liquidity provider).

Le disposizioni di cui alla presente delibera hanno effetto dalle ore 0.00 dell’11 luglio 2011 alle ore 24.00 del 9 settembre 2011(2).

 

La presente delibera viene pubblicata nel sito internet e nel Bollettino della Consob.

Fonte: Consob

 

Articoli Simili

Valute virtuali: in consultazione pubblica lo schema di decreto per censire il fenomeno

Falco64

I gestori esprimono le loro preoccupazioni in merito agli obblighi informativi e di rendicontazione richiesti da Solvency II

Falco64

Il nuovo procedimento sanzionatorio della Consob in vigore dal 10 marzo

Falco64