AdvisorWorld.it
Weis Franz Comgest

Comgest: Come gestire le azioni europee con le difficoltà e opportunità della crisi Covid

Comgest: Il 2020 è stato un anno anomalo. Abbiamo vissuto una terribile pandemia, con tragiche perdite per alcuni, e severe restrizioni alla quotidianità di tutti.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura di Franz Weis, Managing Director e Co-Responsabile delle strategie azionarie europee di Comgest


L’impatto sull’attività economica è stato sostanziale, e le aziende europee hanno subito un grave declino della loro attività. Per le aziende dell’indice MSCI Europe, è probabile che le vendite diminuiscano del -10%, peggio che durante la crisi finanziaria globale. In particolare, sono stati colpiti il settore dei viaggi, il retail e l’alberghiero.

Non sorprende quindi che quest’anno gli utili societari diminuiranno. Guardando ai numeri relativi all’MSCI Europe, negli ultimi 10 anni l’azienda media europea ha faticato a generare una crescita significativa degli utili. A causa della crisi sanitaria e della crisi economica che ne è seguita, gli utili delle aziende nell’MSCI Europe sono stati rivisti al ribasso fino al -25%.

Anche le aziende in crescita di qualità hanno subito un impatto negativo, ma si stanno dimostrando molto più resilienti e hanno visto una revisione al ribasso di “solo” il 15%. Alcune operano in business molto difensivi: le aziende farmaceutiche e sanitarie (come Roche o Novo Nordisk) o i produttori alimentari (come Unilever o Lindt) non hanno risentito molto della crisi attuale.

Allo stesso modo, soprattutto nell’industria del software, Dassault Systèmes o SAP hanno ricavi ricorrenti che possono rappresentare la metà o i due terzi delle vendite, e questo ne migliora la prevedibilità.

Altre hanno modelli di business molto flessibili, come Amplifon, che ha subito un forte impatto sulle vendite nel secondo trimestre, ma è riuscita a controllare immediatamente i costi (soprattutto le spese di marketing) per proteggere il margine di profitto. In queste aziende la cultura è molto forte e ha contribuito a reagire alla crisi. Orpea, l’operatore di case di riposo per anziani, è stato ben equipaggiato con indumenti protettivi e protocolli efficaci per tenere il virus fuori dalle proprie strutture, e il personale è stato molto motivato; il risultato? un numero di vittime da Covid-19 molto più basso rispetto ai competitor.

Grazie all’attenzione alla qualità, non è stato necessario fare molti cambiamenti. Quello che abbiamo cercato di fare è stato sfruttare l’elevata volatilità. Ma alcuni titoli sono stati colpiti molto duramente dalla crisi, come Amadeus e MTU, o aziende che sono considerate più cicliche, come CapGemini o Ferrari – i loro ribassi azionari sono stati esagerati quando gli investitori sono andati nel panico.

A volte la psicologia degli investitori porta a divergenze a breve termine tra il sentiment e i fondamentali. Ricordiamo cosa è successo il 9 novembre: il giorno in cui Pfizer e Biontech hanno annunciato risultati molto positivi delle sperimentazioni sul vaccino. Anche se tutti si aspettavano i risultati di 2-3 sperimentazioni di vaccini prima della fine dell’anno, e tutto suggeriva un esito positivo, il mercato azionario è andato alle stelle quel giorno, guidato dai bancari che in 24 ore sono saliti del 20-25%, dai ciclici e dai settori più colpiti dalla crisi.

Ora, non pochi investitori sembrano preoccupati di perdersi la grande rotazione dalla crescita di qualità verso i titoli value. Motivano questa mossa con l’elevata valutazione dei titoli growth, da un lato, e con la ripresa ciclica, dall’altro. Questa rotazione potrebbe continuare per un certo periodo. È normale: quando l’umore è basso e all’improvviso si vede una luce alla fine del tunnel, la propensione al rischio degli investitori aumenta.

In ogni caso, alcuni dei cosiddetti titoli value possono anche rivelarsi non tanto di valore. Alcuni sono a buon mercato perché si trovano ad affrontare la disruption tecnologica, l’ingresso di nuovi sfidanti, mercati in declino, maggiore regolamentazione, quindi i loro prezzi delle azioni possono salire nel breve termine, sollevati dal sentiment, ma non creeranno molto valore fondamentale nel lungo periodo.

La crisi attuale, e la cosiddetta ripresa a forma di K, non fanno altro che accelerare le tendenze preesistenti, con i vincitori che escono più forti dalla crisi, mentre i perdenti calano ancora più velocemente.

Ma cosa ci aspetta? Il consenso prevede già un forte rimbalzo dell’attività economica nel 2021 e si prevede che le vendite aumenteranno fortemente il prossimo anno, del +7% per le aziende dell’MSCI Europe, la crescita più forte dalla ripresa dopo la crisi finanziaria del 2010. Anche nel difficile anno in corso, le aziende quality growth continueranno a crescere, del +7%. E il prossimo anno si prevede che aumenteranno le loro vendite fino al +16%.

Alcuni nomi beneficeranno dell’attesa ripresa: basti pensare a Temenos che ha registrato un calo delle vendite di licenze del -41% in nel primo semestre perché le banche erano impegnate ad affrontare la crisi e hanno rinviato il rinnovo delle infrastrutture informatiche.

Ma soprattutto, i titoli più colpiti dalla crisi beneficeranno enormemente di un ritorno alla normalità: per esempio, Ryanair e WizzAir nel secondo trimestre hanno subito entrambe un crollo del numero di passeggeri di circa il 95% e naturalmente i loro tassi di crescita si prospettano ingenti quando la normale attività di volo riprenderà.

E le loro quotazioni sono ben lontane dai minimi – la prima, in particolare, è stata molto efficace nel preservare il flusso di cassa e nel rimanere in attività senza il sostegno del governo (a differenza di Lufthansa e AirFrance, ad esempio).

È vero che la situazione rimane molto incerta. Siamo ancora nel bel mezzo della seconda ondata e non sappiamo quanto saranno efficaci le misure di lockdown durante i freddi e bui mesi invernali. L’annuncio di vaccini altamente efficaci è molto incoraggiante, ma ci vorranno diversi mesi prima che significative sacche della popolazione ne abbiano accesso.

Inoltre la Brexit resta un tema aperto e, anche se il nuovo presidente degli Stati Uniti sembra più diplomatico e meno incline al conflitto, diversi conflitti commerciali non sono stati risolti. In un ambiente come questo, in cui le aspettative di recupero degli utili sono elevate, ma le prospettive rimangono piuttosto incerte, continua ad avere senso accettare un certo premio per la qualità e la prevedibilità, invece di acquistare molto più rischio.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Capital Group: 5 previsioni per il futuro dei media statunitensi

Redazione

La Financière de l’Echiquier : Citius, Altius, Fortius!

Redazione

La Française : Fine dell’era Merkel, e adesso?

Redazione