AdvisorWorld.it
Nelson Carney Laura Capital Group

Capital Group: Healthcare, ancora più forti

Capital Group: Le realtà del biopharma a più grande capitalizzazione saranno più resilienti di molti altri settori durante e dopo la pandemia. Guardando avanti, le aziende biofarmaceutiche più forti diventeranno ancora più forti. Le malattie infettive diventeranno un focus molto più importante …

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura di Laura Nelson Carney, Equity Investment Analyst di Capital Group


Nel complesso, le tendenze di lungo termine che stanno plasmando il futuro del biopharma rimangono invariate dall’avvento di COVID-19, o sono addirittura accelerate. Ci sarà un aumento dell’uso dei big data su tutti gli aspetti legati alla scoperta e allo sviluppo dei farmaci, nonché per monitorare i pazienti nel mondo reale.

La medicina di precisione arriverà (finalmente) alla maturità. La terapia cellulare e genica sarà il prossimo orizzonte dell’innovazione nel campo della medicina, tanto profonda quanto il passaggio dalle sostanze chimiche alle proteine per i farmaci di 40 anni fa.  L’importanza della Cina crescerà nell’industria biofarmaceutica globale sia come secondo mercato più grande del mondo sia come fonte di innovazione globale.

Finora le aziende biotecnologiche e farmaceutiche se la sono cavata bene e si stanno dimostrando più resilienti di altri settori. Buoni indicatori sono i forti risultati che abbiamo visto dalla stagione degli utili del primo trimestre – quasi tutte le aziende farmaceutiche hanno superato le aspettative e hanno ribadito la guidance per l’intero anno – ben diverso da quanto visto in molti altri settori. 

La gente continuerà ad avere bisogno di medicine e ci sono molte malattie con effetti ancora peggiori dell’infezione da COVID-19.  La massima priorità del settore è quella di mantenere una fornitura ininterrotta di farmaci.

Questo è di fondamentale importanza per evitare un forte aumento della mortalità da cause diverse associate a questa pandemia, perché le persone non riescono ad avere accesso ai medicinali salvavita di cui hanno bisogno per malattie non legate al COVID. A livello aziendale, stiamo valutando la stabilità dei flussi di cassa e dei dividendi per le aziende più grandi, mentre per le aziende di piccole e medie dimensioni stiamo valutando le loro riserve e le dimensioni della loro pipeline per assicurarci che possano resistere alla tempesta. 

Siamo cauti nei confronti delle società concentrate su un singolo farmaco, in particolare con meccanismi immunosoppressivi che aumentano il rischio COVID-19.

Tre dimensioni importanti da considerare per quanto riguarda l’impatto di COVID sul settore sono la catena di fornitura/produzione, la domanda del mercato finale e gli studi clinici. La catena di fornitura è sicura e le aziende possono continuare a produrre per soddisfare tutti gli ordini necessari?

Ci sono nuovi rischi nell’approvvigionamento di materie prime e principi attivi farmaceutici (API) da un solo paese, le aziende stanno quindi ripensando a come diversificare le loro catene di fornitura globale di farmaci.

Per quanto riguarda la domanda: le visite di persona ai medici – soprattutto in Europa e negli Stati Uniti – sono diminuite drasticamente, si stima intorno al 70% circa.

Ciò significa che le nuove diagnosi sono in calo e i passaggi da un farmaco all’altro sono in calo.  Il quadro per l’industria è buono, ma si tratta di tendenze che possono durare.

Una delle più importanti implicazioni a lungo termine di COVID-19 sull’industria biofarmaceutica è che sta aiutando l’industria a ricostruire la sua reputazione. La gente vede il biopharma come parte della soluzione e non come parte del problema.

Ci sarà anche una maggiore collaborazione tra le aziende, e probabilmente assisteremo a un aumento delle operazioni di M&A con le piccole aziende innovative ma con capitali ridotti acquisite dalle grandi aziende farmaceutiche.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Franklin Templeton – Cina segni di normalità

Redazione

Lombard Odier: Tensioni tra USA e Cina

Redazione

Capital Group: Covid-19 il settore tecnologico

Redazione