AdvisorWorld.it
Dufosse Nadege Candriam

CANDRIAM: Possiamo aspettarci una ripresa a V dell’attività economica?

CANDRIAM. I dati pubblicati a febbraio sull’economia cinese, il primo paese ad essere colpito, forniscono un ordine di grandezza della profondità dello shock………….


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura di Florence Pisani, Global Head of Economic Research di CANDRIAM e Nadège Dufossé, CFA, Head of Asset Allocation di CANDRIAM


Il crollo della produzione industriale è in linea con la nostra previsione di un calo del 15% del livello del Pil dopo il lockdown.

Adesso che il Covid-19 ha innescato una pandemia globale, il calo dell’attività economica mondiale dipenderà dalla durata del lockdown e dall’efficacia delle politiche economiche che saranno attuate.

Negli Stati Uniti, la FED ha ribadito che è “pronta a ricorrere all’intero range di strumenti a sua disposizione per sostenere i flussi di credito a famiglie e imprese”. Ma, come riconosciuto dallo stesso Powell, fornire direttamente fondi alle famiglie e alle PMI non rientra nel mandato della Fed, e il ruolo della politica fiscale è “critico”.

Per il momento le misure annunciate dal Congresso sono ben lungi dall’essere sufficienti a ripristinare la fiducia e controbilanciare lo shock economico.

Nell’area Euro, la risposta della BCE e le parole di Christine Lagarde non sono state d’aiuto mentre i messaggi dei governi nazionali sono stati un passo nella giusta direzione. Le misure annunciate, se attuate correttamente consentiranno ai governi di assorbire una parte significativa dello shock.

Se prendiamo come riferimento il modello cinese (e supponendo che non ci sia una seconda ondata di contagi), lo shock – anche se profondo – dovrebbe rivelarsi temporaneo. Questo continua ad essere il nostro scenario di base.

Ma perché questo si riveli corretto, abbiamo bisogno di un’azione ancora più energica da parte dei governi, soprattutto negli Stati Uniti. In mancanza, non si può escludere la possibilità di un calo più lungo e radicato dell’attività con ripercussioni finanziarie negative (ad esempio una recessione).

In questo contesto fino a lunedì sera, 16 marzo, abbiamo mantenuto una posizione underweight adottando una strategia di protezione con strumenti derivati, ove possibile.

Riconosciamo tuttavia il miglior rapporto rischio/rendimento per i mercati azionari dopo il calo del 35% del mercato europeo, e abbiamo deciso oggi di tornare progressivamente alla neutralità per quanto riguarda la nostra esposizione azionaria.

Dalla fine della scorsa settimana, la psicologia degli investitori è scivolata verso una “fase depressiva” in quanto ritengono che le misure annunciate non avranno alcun impatto positivo. Ciò corrispondeva, durante le precedenti crisi finanziarie, a una fase di capitolazione e di depressione del mercato. Riteniamo che ci siano ancora rischi di ribasso.

Il flusso di notizie negative intorno ad ulteriori misure di contenimento, e la diffusione del virus continuerà probabilmente ad alimentare dubbi sull’efficienza delle politiche, ma ci stiamo avvicinando ai livelli in cui i mercati dell’Eurozona sono rimbalzati nel 2003 e nel 2009.

Qualsiasi flusso di notizie positive riguardanti l’epidemia sarà la chiave per un rimbalzo più duraturo dei mercati.

Le misure di contenimento molto severe che si stanno adottando dovrebbero mostrare i primi risultati positivi nelle prossime settimane.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Pictet AM: Il Covid? In Borsa si sconfigge puntando sulle aziende familiari

Redazione

Schroders: Gli italiani sono i più preoccupati in Europa per il loro futuro pensionistico

Redazione

Robeco: I trend possono influenzare il destino delle industrie

Redazione