AdvisorWorld.it
BGSaxo

BGSaxo : il dollaro non è così debole, considerate le distorsioni della Fed

BGSaxo : Focus sul trading FX: Il dollaro è piuttosto debole, ma guardate al contesto!


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Di John Hardy, head of FX Strategy per Bg Saxo


Riepilogo: Abbondano i segni che l’inondazione di liquidità della Fed sta causando ogni sorta di distorsione del mercato, poiché la dimensione degli acquisti del QE della Fed non è in linea con lo stato attuale dell’economia statunitense e con il bisogno di liquidità nel sistema finanziario. La cosa sorprendente per i trader FX, quindi, è forse il motivo per cui il dollaro USA non è ancora più debole.

Si discute spesso in questo periodo del flusso di liquidità della Fed e a proposito di alcune delle distorsioni che sta creando sui mercati, compresi quelli che sono probabilmente segnali inaffidabili, come quello dell’asta di alcuni giorni fa dei buoni del tesoro a 2 anni, che è stata fortemente sovrascritta e ha portato a un rendimento vicino allo 0,15%. In apparenza, questo suggerirebbe una fiducia del mercato che vede come improbabile che la Fed raggiunga aumenti i tassi nei prossimi due anni. Ma in realtà potrebbe essere solo un effetto collaterale dell’eccessivo aumento legato ai suoi programmi di acquisto di asset.

La Fed ha dichiarato di non essere disposta a diminuire lo stimolo in nessuno di questi programmi per ora temendo che possa destabilizzare la fiducia da un lato e, dall’altro, che preoccupata di non avere idea di come si configurerà l’economia una volta che gli effetti della pandemia cominceranno a svanire.

Negli ultimi giorni il dollaro Usa si è indebolito leggermente, in parte a causa di una leggera mancanza del rapporto sulla fiducia dei consumatori e la più grande mancanza sulle vendite di nuove case, ma considerato il contesto, è in qualche modo sorprendente che non sia ancora più debole.

Questo può dipendere dal fatto che la maggior parte delle altre valute non sono riuscite a fornire una compensazione di rendimento degna di nota (si noti che anche i rendimenti dei Bund tedeschi virano verso il basso) e che l’energia non è stata interessata dal movimento delle materie prime nelle ultime settimane, aiutata dagli sforzi della Cina per reprimere ciò che vede come un’eccessiva speculazione interna. Quei paesi in cui le banche centrali si sono preoccupate di indicare una tendenza verso il tapering hanno visto le loro valute salire, come la Norvegia all’inizio di quest’anno e più recentemente la Nuova Zelanda, o come il Canada, che ha effettivamente inasprito la politica con il suo annuncio del tapering il 21 aprile.

Altri paesi stanno usando il playbook della Fed nell’esprimere estrema cautela, quindi è difficile ottenere il tipo di differenziazione che alcune delle banche centrali  più piccole di alcuni paesi sviluppati citate sopra hanno fornito. L’oro che è salito nelle ultime settimane, tuttavia, riflette la preoccupazione generale che la Fed stia conducendo una politica troppo accomodante e che le altre banche centrali non vogliano essere sorprese in un gioco di svalutazione competitivo.

Un’altra fase più bassa nel dollaro USA potrebbe richiedere che i prezzi delle materie prime riprendano – in particolare il big kahuna – il petrolio greggio, che ha raggiunto il massimo all’inizio di marzo prima del suo lungo, anche se relativamente superficiale, consolidamento. Le due cose più probabili che potrebbero aumentare la volatilità del mercato sono: (1) la Fed che finalmente capitola e ha bisogno di mandare un segnale e (2), un enorme break-out del prezzo più alto che metta in moto le dinamiche dell’inflazione.

Finché la Fed continua a diffondere il messaggio dell’inflazione transitoria, il rischio di una correzione e di una capitolazione sale precipitosamente, siccome il messaggio accomodante della Fed ha portato la propensione al rischio in ogni tipologia di asset, dalle azioni, alla ricerca di rendimento nel credito corporativo, EM e davvero, ovunque.

Il dollaro neozelandese è balzato in alto dopo la nuova previsione della banca centrale della Nuova Zelanda, secondo la quale il rialzo dei tassi potrebbe essere fissato già a metà del 2022. Il contrasto con la guida della Fed e  con quella della RBA, ha spinto il dollaro in forte rialzo rispetto a USD e AUD. Si noti che il dollaro neozelandese ha superato la resistenza locale e solo il top del ciclo a 0,7465 rimane come resistenza chiave, inoltre bisogna assistere ad un sell-off più ampio del dollaro per credere che qualcosa di importante sia ancora in corso. Si noti che il governatore della Banca centrale neozelandese, Orr è molto disposto nei giochi di svalutazione competitivi e sarà rapido a tirare fuori la retorica per contrastare questa situazione.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

GAM: Black Friday, borse in sconto

Redazione

CANDRIAM: prospettive per i titoli value e growth

Redazione

GAM: Correlazioni pericolose

Redazione