AdvisorWorld.it
candriam veicoli elettrici

AXA IM: profonda integrazione dei criteri ESG

AXA Investment Managers incrementa i suoi sforzi nell’Investimento Responsabile attraverso una più profonda integrazione dei criteri ESG……


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente



  • Integrazione dei criteri ESG in tutte le piattaforme di investimento
  • Assunzioni mirate per sostenere gli sforzi nel team centrale degli Investimenti Responsabili e nelle piattaforme di investimento
  • Focus tematico che combina i rischi finanziari con gli impatti sociali

Con l’accelerazione della domanda di ESG (Environmental, Social e Governance) da parte dei Clienti, e a seguito della decisione strategica di integrare l’analisi dei criteri ESG nelle proprie piattaforme di investimento, AXA IM sta passando alla fase successiva del proprio impegno verso gli Investimenti Responsabili (IR) per rafforzarne le competenze.

“L’Investimento Responsabile è una delle nostre priorità strategiche. Non solo perché i clienti ci dicono che l’IR è importante per loro, ma anche perché siamo convinti che la finanza giochi un ruolo considerevole nella promozione di una società che crede nell’equità e nella giustizia, nonché un ambiente sostenibile.

Perseguire l’integrazione dei criteri ESG e sviluppare ulteriormente l’offerta di IR fa parte del nostro piano d’investimento annunciato a giugno, e vogliamo cogliere questa opportunità per essere degli investitori migliori per i nostri clienti” ha dichiarato Andrea Rossi, Amministratore Delegato di AXA IM.

Beneficiando di due decenni di esperienza nell’Investimento Responsabile, AXA IM sta integrando l’analisi dei criteri ESG in tutte le sue piattaforme di investimento, fornendo ai gestori di fondi l’accesso a punteggi ESG e KPI proprietari nei loro strumenti di front office, oltre a ulteriori dati e ricerche ESG.

Inoltre, gli specialisti di IR vengono progressivamente integrati in ogni team per supportare i gestori di fondi nell’incorporare i criteri ESG e nell’analisi di impatto nei loro processi di investimento.

“Questo nuovo passo verso l’inserimento degli Investimenti Responsabili in tutta l’azienda assicurerà che l’integrazione dei criteri ESG sia combinata con la necessità di punti di vista comuni sugli impegni tematici, il voto e il punteggio ESG, rafforzando al contempo i team di investimento con un’analisi aziendale ESG dettagliata.

Questo porterà a una maggiore trasparenza e chiarezza per i nostri clienti sull’impronta ESG dei loro investimenti, consentendoci di interagire meglio con loro e aiutarci a indirizzare le loro risorse verso quelle aziende che hanno un impatto positivo sulla società”, ha dichiarato Matt Christensen, Global Head of Responsible Investment di AXA IM.

“AXA IM ha anche sviluppato un approccio all’impact investing i che va oltre il monitoraggio del rischio ESG per includere le aziende che stanno dando contributi positivi agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite”.

I team di tutta l’azienda sono ora ancora più coinvolti nello sviluppo della nostra offerta IR, per rispondere meglio alle esigenze dei nostri clienti con l’obiettivo di rimodellare alcune strategie come le ESG e lanciare nuove strategie ad impatto”, ha aggiunto Matt Christensen.

All’interno di AXA IM il team di Investimento Responsabile è organizzato come segue:

  • Un team centrale di Investimento Responsabile che si concentra sulla ricerca tematica, sulla governance aziendale e sul coinvolgimento degli azionisti, oltre che sullo sviluppo di soluzioni quantitative.
  • Poiché il clima, il capitale umano e la salute sono stati identificati come tematiche prioritarie per il team centralizzato dell’IR, sono stati nominati specialisti per ognuno di questi tre temi. Lise Moret è responsabile della strategia per il cambiamento climatico e Marie Fromaget è entrata recentemente in AXA IM come analista per il capitale umano e la Diversity. Oltre alle loro responsabilità per i green bond e social bond, Julien Foll si occupa di salute e Alice Val di clima. Lavoreranno con Yo Takatsuki, che entrerà in AXA IM come Head of ESG of Research and Engagement a partire dal 1° novembre.
  • Specialisti di ESG all’interno delle piattaforme di investimento per condurre le analisi ESG a livello aziendale. Alcuni sono già entrati a far parte dei team di investimento: Melina Leprince-Ringuet per Framlington Equities, Shah Khan per Rosenberg e Rebecca Greenberg e Augustin Monnoyeur per il Fixed Income.

L’integrazione dei criteri ESG è un approccio a tutto campo in AXA IM, che comprende analisi ESG tematiche e qualitative, scoring ESG proprietario, soluzioni analitiche e reporting, così come il voting & engagement che contribuiscono alle decisioni di investimento.

Infine, la formazione ESG è a disposizione di tutti i dipendenti.

AXA IM gestisce 442 miliardi di euro seguendo criteri di gestione integrata ESG [1] (circa il 60% del totale degli asset in gestione), di cui 16,8 miliardi di euro sono considerati “investimenti sostenibili”[2].

[1] Al 30 giugno 2018. Gli asset integrati ESG sono asset che hanno obiettivi ESG, definiti in funzione delle esigenze dei clienti. In linea con la stragrande maggioranza dei patrimoni gestiti da AXA IM, questi patrimoni integrati ESG beneficiano anche di una gestione attiva e applicano politiche di esclusione su armi, carbone, olio di palma non-RSPO e derivati su materie prime alimentari.

 [2] Al 30 giugno 2018. Le attività di “Investimento sostenibile” comprendono le attività per le quali l’universo ammissibile è definito secondo i criteri ESG, nonché le attività di impact investing. L’impact investing si concentra sul finanziamento di imprese e progetti che hanno un impatto intenzionale, positivo e misurabile sulla società e, al tempo stesso, producono rendimenti sui mercati finanziari.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

DWS La strategia SDG supera il miliardo di euro di asset under management

Redazione

Unicredit: Jean Pierre Mustier si ritirerà dal ruolo di amministratore delegato

Redazione

Credem: la BCE mantiene il livello minimo di capitale richiesto al valore più basso tra le maggiori banche italiane

Redazione