AdvisorWorld.it
Baudson Valérie Amundi

Amundi : Ottimi risultati nel secondo trimestre 2021

Amundi Ottimi risultati nel secondo trimestre 2021 in un contesto di mercato molto favorevole. Forti afflussi negli attivi a medio e lungo termine (+€22 miliardi)


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Valérie Baudson, CEO Amundi


Risultati

– Ricavi netti derivanti dall’attività di asset management in crescita del +9% rispetto al Q1 2021, trainati in particolare dai ricavi da commissioni di performance eccezionalmente elevati (€155 milioni)

– Cost/income ratio adjusted pari a 45,7% (~50% se si esclude il livello eccezionalmente elevato di commissioni di performance)

– Utile netto adjusted pari a 345 milioni di euro (+11,9% rispetto al Q1 2021 e +48,3% rispetto al Q2 2020)

– Utile netto contabile pari a 448 milioni di euro comprensivo di una plusvalenza fiscale una tantum di 114 milioni di euro

Attività commerciale

– Afflussi elevati pari a 21,7 miliardi di euro in attivi a medio e lungo termine trainati dalla gestione attiva (€18,9 miliardi) e da tutti i segmenti di clientela

– Deflussi stagionali nei prodotti di tesoreria: – 17 miliardi di euro

– Afflussi netti totali pari a 7,2 miliardi di euro

– AUM pari a 1.794 miliardi di euro al 30/06/2021, in crescita del 12,7% anno su anno (+2,2% sul trimestre)

Acquisizione di Lyxor

– Accordo quadro firmato l’11 giugno, prima del previsto

– Le attività preparatorie per l’integrazione di Lyxor procedono come da programma

– Completamento previsto per la fine del 2021

Il Consiglio di Amministrazione di Amundi, presieduto da Yves Perrier, si è riunito il 29 luglio 2021 per la revisione del bilancio del secondo trimestre 2021.

Commentando i dati, Valérie Baudson, CEO, ha dichiarato:

“Amundi ha registrato ottimi risultati finanziari e operativi nel secondo trimestre del 2021, trainati da un contesto positivo di crescita in tutte le linee di business, in particolare con afflussi significativi negli attivi a medio e lungo termine. La forte crescita del reddito netto è stata amplificata da un contesto di mercato molto favorevole.

Le recenti iniziative strategiche (la partnership con il Banco Sabadell, la joint venture con Bank of China e Amundi Technology) stanno iniziando a dare i loro frutti. L’acquisizione di Lyxor, di cui stiamo preparando l’integrazione, sarà un nuovo motore di crescita.

Questi risultati robusti dimostrano l’importanza della strategia di sviluppo di Amundi. Il nostro Gruppo ha la forza necessaria per perseguire il suo percorso di crescita redditizia”.

Elevato livello di attività negli attivi a Medio Lungo Termine (MLT)

Afflussi elevati pari a 22 miliardi di euro negli attivi a MLT, determinati in particolare dalla gestione attiva

Il patrimonio gestito di Amundi ammonta al 30 giugno 2021 a 1.794 miliardi di euro, con un aumento del +12,7% su base annua e del +2,2% rispetto a fine marzo 2021.

Complessivamente i flussi netti sono ammontati a +7,2 miliardi di euro nel trimestre:

nel Retail, gli afflussi sono stati ancora una volta robusti negli attivi MLT (+9,5 miliardi di euro vs. +7,8 miliardi di euro nel primo trimestre 2021), trainati dalla maggior parte dei segmenti di clientela, in particolare dai distributori terzi (+4,4 miliardi di euro), nonché dalle reti internazionali (+3,2 miliardi di euro), in particolare in Italia e Spagna (rete Banco Sabadell). La nuova controllata Amundi BoC Wealth Management ha mostrato una solida attività (+2,5 miliardi di euro) grazie a circa 30 lanci di fondi nel secondo trimestre; gli AUM si sono attestati a 3,5 miliardi di euro dopo soli sei mesi;

per quanto concerne la clientela istituzionale, questo trimestre è stato caratterizzato da afflussi pari a +12,1 miliardi di euro negli attivi a MLT (rispetto a +2,0 miliardi di euro di afflussi nel primo trimestre 2021) trainati da tutti i segmenti di clientela istituzionale;

    l’attività nelle JV è stata caratterizzata da un buon slancio.

La gestione passiva, gli ETF e le soluzioni smart beta hanno avuto un buon secondo trimestre con un afflusso netto di +4,0 miliardi di euro, portando gli AUM a 184 miliardi di euro a fine giugno 2021. Con un afflusso di +2,3 miliardi di euro nel secondo trimestre del 2021 in ETP, Amundi è il quinto emittente in Europa.

Le iniziative strategiche avviate nel 2020 stanno dando i loro frutti

L’anno 2020 ha visto il lancio di diverse iniziative strategiche che alimenteranno la crescita del gruppo nei prossimi anni e stanno già mostrando risultati nel primo trimestre del 2021:

    Sabadell AM, integrazione e partnership di successo con il Banco Sabadell

A distanza di dodici mesi dall’acquisizione di Sabadell AM, avvenuta il 30 giugno 2020, la sua integrazione è completa sia dal punto di vista tecnologico (migrazione IT a ALTO) che operativo (team di gestione, team di vendita e funzioni di controllo). L’inizio della partnership con il Banco Sabadell è molto promettente, con conseguente incremento della quota di mercato; nei primi 12 mesi è stato registrato un record commerciale con oltre 1,5 miliardi di euro in afflussi netti (fondi Amundi e Sabadell AM) nella rete del Banco Sabadell. Più del 50% delle sinergie annunciate dovrebbe essere raggiunto nel 2021.

    Avvio di successo della nuova controllata di Wealth Management con Bank of China (la quarta più grande banca cinese)

Dopo l’avvio operativo di questa nuova società (di cui Amundi detiene il 55%) nel quarto trimestre del 2020, l’impulso di vendita è forte con il lancio di circa 50 fondi dalla sua costituzione e crescente interesse da parte della rete BoC verso i prodotti della casa (in particolare fondi a scadenza e fondi green). Il totale degli afflussi netti del primo semestre è già pari a 3,4 miliardi di euro.

    Sviluppo di Amundi Technology

Amundi Technology, la nuova linea di business dedicata ai servizi tecnologici, ha ampliato il proprio sviluppo, generando 19 milioni di euro di ricavi nel primo semestre 2021, di cui 12 milioni di euro nel secondo trimestre 2021. L’offerta di servizi è proseguita con l’acquisizione di sette nuovi clienti (29 clienti complessivi a fine giugno 2021).

Investimento responsabile: confermata la leadership

Amundi ha continuato ad attuare il suo piano d’azione ESG, confermando così la sua leadership:

Il patrimonio ESG in gestione ammontava a 798 miliardi di euro al 30 giugno 2021. La variazione rispetto al 31 dicembre 2020 (AUM di 378 miliardi di euro) è dovuta a:

la continua integrazione dei criteri ESG nei processi di gestione tradizionali;

elevati afflussi nel primo semestre (+18,7 miliardi di euro in soluzioni MLT), di cui la gran parte nella gestione attiva, con un buon slancio delle soluzioni per il clima e l’ambiente, dei fondi a reddito fisso ESG e della gamma di fondi azionari tematici.

Circa 700 fondi aperti, fondi dedicati e mandati, che rappresentano oltre 680 miliardi di euro di AUM (rispetto ai 450 miliardi di euro a fine marzo 2021), sono classificati secondo gli articoli 8 e 9 della SFDR e ciò fa di Amundi un leader in questo settore.

Inoltre, Amundi sta ampliando il suo impegno ESG:

in vista della COP 26 di Glasgow, Amundi ha aderito all’iniziativa “Net Zero Asset Managers” (impegni in linea con la traiettoria dell’Accordo di Parigi) che riunisce gli asset manager impegnati a raggiungere l’obiettivo di emissioni nette pari a zero entro il 2050;

Amundi è un membro fondatore di Investors for a Just Transition, una coalizione internazionale di asset manager e asset owner che si sono impegnati a promuovere una transizione equa verso economie a basse emissioni di carbonio e che rappresentano 3.600 miliardi di euro di masse;

prosegue lo sviluppo di prodotti e soluzioni ESG con l’ampliamento della gamma “ESG Improvers” attraverso nuovi fondi a reddito fisso.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

Tikehau Capital ottiene risultati positivi su tutti i fronti nel primo semestre 2021

Redazione

Schroders Capital celebra i 50 anni del suo business di real estate

Redazione

State Street acquisisce Brown Brothers Harriman Investor Services

Redazione