AdvisorWorld.it

Ambrosetti Am Sim Necessaria cautela: volatilita’ in aumento

Allegri Alessandro Ambrosetti AM Sim

Ambrosetti Am Sim Necessaria cautela: volatilita’ in aumento e incertezza sui mercati. Il nervosismo sui mercati è proseguito anche nel mese di agosto che si è aperto all’insegna della negatività ed ha proposto solo parziali recuperi nelle ultime settimane….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita.  Clicca qui per iscriverti gratuitamente


A cura di Alessandro Allegri, AD di Ambrosetti Asset Management SIM


La volatilità è dunque aumentata e gli ultimi dati sulla debole crescita della produzione industriale in Cina e la crescita negativa del PIL in Germania hanno aumentato le preoccupazioni e l’incertezza fra gli operatori.

I diffusi cambiamenti negativi nelle aspettative stanno dunque spostando gli umori degli operatori verso un possibile scenario di recessione che resta il dubbio principale che aleggia sui mercati portando con sé un generale atteggiamento di cautela, molto diverso dagli euforismi di qualche mese addietro quando la politica monetaria, in così breve tempo, aveva riacceso gli scenari rialzisti, mentre ora sembra non sia in grado, da sola, di eliminare completamente i rischi e le incertezze.

Ambrosetti Am Sim – In passato una risposta politica adeguata da parte delle banche centrali ha aiutato ad aumentare la propensione al rischio agendo preventivamente sulle aspettative; oggi, avendo usato già buona parte delle munizioni e delle strategie a disposizione, gli effetti si concentrano sul far rimanere stabile il contesto di gioco in attesa che gli investimenti privati riattivino il ciclo virtuoso.

In tal senso la Fed sembra in grado di sostenere l’espansione economica attraverso la sua azione decisa e forse un po’ spregiudicata mentre la BoJ e la BCE convivono con il costante rischio di cadere nella cosiddetta “trappola della liquidità” in cui la politica monetaria diventa del tutto inefficace.

I risultati e le conseguenze dipenderanno dalla misura in cui l’economia soffrirà o meno di squilibri e, sotto questo aspetto, la notizia rassicurante è che la leva finanziaria appare in controllo e l’inflazione resta contenuta soprattutto in relazione ai bassi tassi di disoccupazione.

Ambrosetti Am Sim – Certamente l’aumento della volatilità e le recenti flessioni hanno fatto crescere gli interventi di carattere umorale, quindi non sempre coerenti con il quadro oggettivo di riferimento, con una crescita delle preoccupazioni non tanto sugli aspetti economici quanto sul contesto politico.

Se da un lato, infatti, gli squilibri sotto il punto di vista dell’economia reale non sono ancora così palesi o forse nemmeno si stanno materializzando, dall’altro lato, quello politico, la situazione è ben diversa.

La guerra commerciale, la Brexit e le discussioni sul bilancio italiano sono tra i fattori che alimentano un elevato grado di incertezza a livello sistemico arrivando a facilitare le prese di beneficio ed a far posticipare, in alcuni casi, i piani di investimento.

Le performance del mese di agosto riflettono in pieno questa condizione di generale incertezza, sia tattica che strategica, e confermano le attese circa un periodo estivo decisamente impegnativo e dagli esiti incerti.

Il mese di agosto si è concluso con risultati negativi su tutti i mercati azionari (-2.15% l’indice globale) nonostante il recupero delle ultime settimane che ha parzialmente migliorato un saldo iniziale decisamente impegnativo.

Tra i paesi sviluppati Inghilterra (-5%) e Giappone risultano i peggiori mentre Italia a Svizzera riescono a limitare le perdite (rispettivamente -0.35% e -0.24%).

Molto diversificati i mercati emergenti con Russia, India e Brasile attorno alla parità mentre Turchia, Hong-Kong e Korea subiscono i maggiori flussi in vendita.

Anche a livello settoriale la selettività nel mese è stata significativa offrendo risultati in controtendenza per Utilities (+2.98%) e Consumi NonCiclici (+1.64%) mentre Finanziari (-5.46%) ed Energy (-7.95%) sono risultati i peggiori.

Sul fronte obbligazionario la prospettiva ormai conclamata di una prosecuzione dello stimolo monetario ha innescato da qualche mese un calo significativo dei rendimenti dei titoli di Stato, sia in Area Euro che soprattutto in America dove in 8 mesi il decennale è passato da 3.2% a 1.5%, vicino alle aree di minimo storico invertendo la curva dei rendimenti tra 10 e 2 anni.

Le performance del mese appena trascorso riflettono questa dinamica con salite importanti e generalizzate sui governativi sviluppati (Usa +3.4%, Italia +3.5% e Germania +2.2%). Bene anche i Corporate mentre le maggior incertezze si sono viste sugli Emergenti (Local Currency -1.53%).

In questo contesto di Risk-Off crescono significativamente i flussi in acquisto sull’Oro (+7.5% nel mese) arrivato a performance annue di assoluto valore (+20%) e candidato ad affiancare gli investimenti obbligazionari privi di rendimento nella parte “safe” dei portafogli strategici di buona parte degli operatori.

Ormai gli investitori convivono con uno scenario di tasso su livelli storicamente bassi che, alimentato da condizioni di stagnazione e bassa crescita, difficilmente varierà molto nei mesi entranti rendendo quasi disperante la ricerca di rendimento se non attraverso un deciso aumento della propensione al rischio con conseguenze di incremento generalizzato della volatilità ormai certe.

Il quadro macroeconomico globale resta stabile con il supporto delle banche centrali ma l’incertezza “politico-economica” aumenta il rischio di sorprese negative.

L’ambiente attuale richiede dunque una posizione di investimento tatticamente cauta in attesa si sviluppino le condizioni ideali, in logica speculativa, per una ripresa degli scenari rialzisti che hanno caratterizzato la prima parte dell’anno.

Settembre si apre con condizioni attese similari alle dinamiche viste nelle scorse settimane; un quadro dunque incerto ma con opportunità di acquisto interessanti sugli azionari in fase di eventuale iniziale debolezza.

Fonte: AdvisorWorld.it

Articoli Simili

IWBank Private Investments: 6 nuovi ingressi di peso

Falco64

CANDRIAM registra patrimonio in gestione ai massimi storici

Falco64

Mirabaud ottiene il rating massimo di A+

Falco64