AdvisorWorld.it

OCCHIALI 1

27/05/09 Pubblicazione verbali BoJ

Da seguire: – Aste – L’Italia offre 2 mld del BTPei settembre 2023. Emissioni a breve termine per la Germania (8 mld del nuovo Schatz giugno 2011 1,5%). Nel….

 

270520091 1.png


pomeriggio usuale maxi-asta (35 mld) di UST quinquennali.

Area Euro

– Francia. La fiducia dei consumatori è salita di un punto a -40, ma rimane ampiamente sotto la media storica di -21. Gli interventi di stimolo fiscale ed il parziale rientro delle tensioni sui mercati spiegano il timido ritorno di ottimismo.

– Francia. La fiducia delle imprese è migliorata per il terzo mese consecutivo a 72 (+1). L’indice rimane comunque su livelli molto depressi (media di lungo termine 99). I progressi riguardano l’andamento recente della produzione (-50 da -54), la percezione delle prospettive economiche complessive (che sale di 7 punti) e le prospettive individuali (-29 da -34).

– Germania. L’inflazione calerà ulteriormente a maggio a 0,5% a/a da un precedente 0,8% a/a. L’indice armonizzato dei prezzi al consumo dovrebbe salire a maggio a +0,4% m/m dopo il +0,1% m/m di aprile. Effetti base favorevoli da energia ed alimentari spingeranno l’inflazione tedesca in territorio negativo nei mesi estivi.

– Italia. La fiducia delle famiglie secondo l’indagine ISAE è attesa ancora in lieve recupero dopo l’inatteso balzo di aprile. Stimiamo l’indice a 105,7 da 104,9. Il dato si confermerebbe ai massimi da dicembre del 2007. Il miglioramento dovrebbe riguardare più la valutazione sulla situazione economica generale del Paese che non la situazione personale degli intervistati, sulla quale dovrebbe continuare a incidere positivamente il calo della dinamica inflazionistica corrente, mentre potrebbe rientrare l’anomalo miglioramento delle attese sulle prospettive occupazionali.

– Italia. Sulla base delle applicazioni previste dai contratti in vigore, l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie potrebbe vedere una lieve accelerazione ad aprile a 3,6% da 3,5% a/a, sulla scia di un aumento di 0,2% m/m. Ad aprile dovrebbero entrare in vigore i miglioramenti retributivi dovuti al recepimento dell’accordo di rinnovo relativo al secondo biennio economico (2008-09) per il personale non docente dell’università. In ogni caso, il mese di aprile dovrebbe rappresentare il punto di massimo per il tasso di crescita tendenziale delle retribuzioni; per i prossimi mesi stimiamo un rallentamento fino a 2,1% a/a nei mesi di luglio e agosto.

Stati Uniti

– Le vendite di case esistenti dovrebbero aumentare a 4,7 milioni di unità ann. nel mese di aprile. A marzo si è registrato un aumento analogo per i contratti di compravendita. Le vendite di case esistenti, come altri indicatori di settore, hanno fluttuato in un range relativamente ristretto, compreso fra 4,54 milioni e 4,74 milioni a partire da novembre 2008. Ad aprile i dati dovrebbero confermare la stabilizzazione delle vendite, senza segnalare una ripresa di un trend positivo.

Ieri sui mercati

Il balzo della fiducia dei consumatori americani ha impresso un’accelerazione ai corsi azionari: l’S&P500 ha chiuso a +2,63%, l’Euro Stoxx 50 a +1,16%; positivo (+1,37%) anche l’andamento del Nikkei questa mattina. Il miglioramento della percezione sulle prospettive economiche ha accentuato la pressione ribassista sui titoli di stato, in particolare sul mercato statunitense. I rendimenti a scadenza degli UST sono in aumento da un minimo di 6 a un massimo di 11pb, con allargamento dello spread 10-2 anni di 3,5pb e aumento della breakeven inflation. L’euro si è ripetutamente affacciato sopra quota 1,4000 dollari, ma senza mai sfondare. Il dollaro è in ripresa contro yen, scambiato a 95,3 contro i 94,5-94,7 di ieri mattina. In rialzo le quotazioni petrolifere: il Light Crude ha chiuso quasi sui massimi di giornata (e dell’anno) a 62,45 dollari, mentre il Brent Crude è a 61,5 dollari. L’indice CRB delle materie prime è sui massimi del 2009. In rialzo per il quinto giorno consecutivo anche i tassi Euribor.

Area Euro

Francia. La spesa per consumi registra ad aprile una crescita del +0,7% m/m dopo il +0,6% m/m di marzo (rivisto da 1,1% m/m), contrariamente alle attese a -0,3% m/m. La sorpresa è riconducibile quasi interamente al forte aumento delle vendite di auto (+3,7% m/m) gonfiate dagli incentivi statali; la variazione dell’indice ex auto è stata del +0,1% m/m. Il dato di aprile lascia la dinamica trimestrale in rotta per un aumento di +0,6% t/t nel 2° trimestre dopo il +0,3% t/t del 1° trimestre.

Italia. Nel mese di aprile la bilancia commerciale con i Paesi extra-UE ha registrato un saldo negativo per 76 milioni dopo l’avanzo di 165 milioni del mese precedente e i 1.774 milioni dell’aprile 2008. Per quanto riguarda le esportazioni, si nota una decisa riduzione della velocità di caduta negli ultimi mesi (-0,7% da -3,9% precedente e dal record di -15,7% m/m registrato a gennaio); la variazione annua rimane decisamente in territorio negativo (-20,5% a/a), ma in recupero dai minimi (-30% a/a a gennaio). Anche il ritmo di caduta dell’import è in diminuzione. I segnali di stabilizzazione vengono dalla ripresa dell’export verso la Cina.

Stati Uniti

L’indice di attività della Chicago Fed (CFNAI) è salito a -2,06 ad aprile: pur restando in territorio ampiamente negativo, l’indice migliora rispetto al mese precedente (-3,36, rivisto dalla stima di -2,96) e la media mobile a 3 mesi sale a -2,65 da -3,29 di marzo, il terzo miglioramento consecutivo, tornando sul livello di novembre 2008.

L’indice della Richmond Fed per il settore manifatturiero sale a maggio a 4 da -9 di aprile. Le consegne tornano in territorio positivo a 9 da -3 di aprile. In miglioramento anche tutte le altre componenti, con i nuovi ordini a 10 da -2 (da un minimo di -66 a dicembre 2008), il numero di occupati a -12 (da -26) e la settimana lavorativa a 5 da -7 di aprile.

A marzo scendono più delle attese i prezzi delle case rilevati con l’indice Case-Shiller. L’indice per le principali 20 aree metropolitane è sceso di 2,17% m/m (-18,70% a/a).

La fiducia delle famiglie rilevata dal Conference Board migliora più delle attese (consenso: 42) a maggio, salendo a 54,9 da 40,8 di aprile (rivisto da 39,2) raggiungendo i livelli di settembre 2008. Migliora significativamente la componente relativa alle aspettative future a 72,3 da 51 mentre è più modesto il recupero sulla valutazione della situazione corrente (a 28,9 da 25,5).

Giappone

I dati giapponesi danno supporto alla valutazione di miglioramento ciclico a partire dal 2° trimestre. La bilancia commerciale ad aprile mostra un aumento delle esportazioni reali del 7,8% m/m (il secondo aumento consecutivo) e un aumento dell’import di 0,5%. Il saldo non aggiustato per la stagionalità sale a 69 mld di yen, il terzo dato positivo. L’indagine Shoko Chukin delle piccole imprese a giugno sale a 37,4 da 34,1 il maggio, con aumenti marcati sia per il manifatturiero sia per i servizi.

 


Certificazione degli analisti

Gli analisti finanziari che hannopredisposto la presente ricerca, i cui nomi e ruoli sono riportati nella prima pagina del documento dichiarano che:

(1) Le opinioni espresse sulle societàcitate nel documento riflettono accuratamente l’opinione personale, indipendente, equa ed equilibrata degli analisti;

(2) Non è stato e non verràricevuto alcun compenso diretto o indiretto in cambio delle opinioni espresse.

Comunicazioni importanti

La presente pubblicazione èstata redatta da Intesa Sanpaolo S.p.A. Le informazioni qui contenutesono state ricavate da fonti ritenute da Intesa Sanpaolo S.p.A.affidabili, ma non sono necessariamente complete, e l’accuratezzadelle stesse non può essere in alcun modo garantita. Lapresente pubblicazione viene a Voi fornita per meri fini diinformazione ed illustrazione, ed a titolo meramente indicativo, noncostituendo pertanto la stessa in alcun modo una proposta diconclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o allavendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento puòessere riprodotto in tutto o in parte solo citando il nome Intesa Sanpaolo S.p.A.

 

La presente pubblicazione non sipropone di sostituire il giudizio personale dei soggetti ai quali sirivolge. Intesa Sanpaolo S.p.A. E le rispettive controllate e/oqualsiasi altro soggetto ad esse collegato hanno la facoltà diagire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopraesposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispiraprima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione dellaclientela. Intesa Sanpaolo S.p.A. e le rispettive controllate e/oqualsiasi altro soggetto ad esse collegato possono occasionalmenteassumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodottifinanziari.

Analisi Daily

a cura di: Intesa Sanpaolo S.p.A.

Fonte: Intesa Sanpaolo S.p.A.

 

 

Articoli Simili

UBP: Elezioni Regno Unito se vincono i conservatori

Falco64

Columbia Threadneedle Investments: Elezioni UK

Falco64

East Capital: rischio volatilità per i mercati emergenti

Falco64