AdvisorWorld.it

REUTERS

21/05/09 Report Valutario

Euro stabile contro le principali divise. Dollaro invariato nei confronti dello Yen…

 

EURO/DOLLARO: COMMENTO: ultima settimana invariata per l’ Euro/Dollaro. I corsi si muovono tra le 1,3700 le 1,3400. Prosegue la fase di indecisione dell’Euro che non riesce a fornire segnali chiari. Per le prossime sedute i corsi potrebbero oscillare tra le 1,3000/1,2900 e le 1,3750. Solo sopra alle 1,3750 avremmo un nuovo segnale di forza da parte dell’Euro, che potrebbe spingersi in direzione delle 1,4500/1,4700. Porre viceversa attenzione a nuovi indebolimenti sotto le 1,2900, evento che aprirebbe le porte alle 1,2500/1,2450

DOLLARO/YEN
COMMENTO: contesto immutato durante l’ ultima settimana per il cambio Dollaro/Yen I corsi oscillano all’interno dello stretto range compreso tra le 94,50 e le 96,75, privi di direzionalità. Per il breve il recupero delle 96,50/96,50 favorirebbe estensioni in direzione delle 98,00. Per il medio periodo sembrano possibili ulteriori deprezzamenti di Dollaro verso l’obbiettivo indicato a 94,00/92,50 prima e verso le 90,00 successivamente.
Solo ritorni sopra le 101,00/102,50 fornirebbero un segnale di recupero valido per il medio periodo da parte del Dollaro, con implicazioni in direzione delle 108,00/110,00.

EURO/YEN
COMMENTO: contesto invariato durante l’ ultima settimana anche per l’ Euro/Yen. I corsi si muovono tra le 132,00 e le 127,00. Un significativo segnale di forza di Euro scaturirebbe solo sopra le 135,00. In tal caso appaiono possibili allunghi in direzione delle 140,00/142,00 in prima battuta e verso le 148,00 in seguito. Viceversa potremmo assistere ad una fase in range tra le 135,00 e le 125,50/124,50. Ritorni sotto alle 124,50 fornisco nuovamente possibilità di indebolimento di Euro, che potrebbe spingersi prima a 121,00/120,00 ed in seguito in direzione delle 115,00/114,0.

EURO/FRANCO SVIZZERO
COMMENTO: leggero recupero durante l’ultima settimana per il cross Euro/Franco Svizzero. L’Euro dopo il test delle 1,5000 si porta verso le 1,5170 fornendo un primo timido segnale di forza. Solo il recupero delle 1,5150/1,5170 fornirebbe un vero segnale di ripresa di Euro. In tal caso potremmo assistere a rivalutazioni verso le 1,5300/1,5400. Viceversa discese sotto le 1,5000 favorirebbero indebolimenti di Euro verso le 1,4650/1,4600, con livello intermedio a 1,4900.

EURO/STERLINA inglese
COMMENTO: ancora discesa per la Sterlina durante l’ultima settimana. I corsi dall’area 0,8900 si riportano verso le 0,8800/0,8760. Per il breve periodo indichiamo un range di oscillazione compreso tra le 0,9000/0,9100 e le 0,8800/0,8750. Per il medio periodo continuano le possibilità di movimenti laterali compresi tra le 0,9500 e le 0,8650/0,8600. Sopra alle 0,9500 potremmo assistere ad ulteriori allunghi verso le 0,9800, area degli ultimi massimi. Saremmo acquirenti di Sterline a ridosso di quest’ultima area di prezzo. Un più deciso segnale di decisa debolezza di Euro si avrebbe solo in seguito a ritorni sotto le 0,8600 per le 0,8250/0,8150.

Analisi Daily

Autore: Andrea Savio

Fonte: Ufficio Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella

 

 

Articoli Simili

18/01/10 La riunione della BCE e la successiva conferenza stampa si sono concluse senza particolari novità

Webmaster

14/01/10 La ripresa in USA si “espande”

Webmaster

13/01/10 Nessun Rischio di ripresa a W

Webmaster