AdvisorWorld.it

LENTE

15/06/09 Giappone agganciato allo slancio asiatico!

Qualche lettore mi avrà forse rimproverato di aver considerato l’attuale consolidamento degli indici azionari sotto una lenta troppo pessimistica. La scorso settimana i ….

principali indici azionari non sono riusciti a liberarsi dalla situazione di stallo. La contrazione della volatilità, più che dura, ha più probabilità di risolversi al rialzo che non al ribasso. Ci sono state alcune eccezioni positive tra indici minori. Non passa invece inosservato l’ottimo comportamento dell’importante mercato giapponese.
16062009 1.png


Il Nikkei 225 ha superato la linea di tendenza negativa dai massimi del 2007 – 8 come avevano già fatto altri indici nel corso delle ultime settimane. Non passa inosservato il fatto che il mercato giapponese non abbia consolidato come altri indici per settimane proseguendo invece la corsa al rialzo. Ancora più sorprendente è l’evoluzione ciclica molto pulita con le precedenti opposizioni che non hanno causato che minori correzione oppure dei consolidamenti molto ristretti. L’indice si trova ora in una posizione senza ulteriori opposizioni per un altro 5 – 8 giorni almeno.
16062009 2.pngIl positivo comportamento viene confermato da minori indici come il Topix 2nd Section che aveva perso 68 % del suo valore durante la campagna ribassista dai massimi del 2006.
Le motivazioni sono molto probabilmente la bassa valutazione del mercato, la vicinanza della Cina e dell’Asia in generale e lo Yen che tende ad indebolirsi.

La borsa italiana
16062009 3.png

L’esitazione del mercato italiano sotto importanti resistenze a 20’900 sullo FtseMib40 è comprensibile in quanto comprende anche la linea media mobile di 200giorni tra l’altro già superato da parecchi altri indici stranieri. Il punto di svolta di inizio maggio ha causato il massimo dell’attuale consolidamento mentre quello di inizio giugno ha causato una sola correzione di 3 giorni. In questo modo si è formato un triangolo ascendente che normalmente anticipa una rottura al rialzo. In questo momento non ci sono indici stranieri che stanno compiendo rotture al ribasso, anzi, selettivamente vengono raggiunti nuovi massimi come appunto sul mercato giapponese.
16062009 4.pngIl punto di svolta Fibonacci del 10 – 12 giugno ha causato un nuovo arretramento dalle attuali resistenze. Ben possibile che si tratti dell’ultimo atto correttivo prima di un serio tentativo di raggiungere nuovi massimi di recupero.

Riepilogo delle date menzionate due settimane fa su base dei cicli Fibonacci: Le vibrazioni di prezzo Fibonacci per le prossime settimane e un minimo sono: 8 giugno (preciso), 3 luglio, 31 luglio.
Prendendo in considerazione le principali onde di ribasso dai massimi del 2007 arrivo alle seguenti date: 26 giugno (vicina alla data di inizio luglio), 28 agosto, 30 ottobre.

I seguenti risultati sono stati raggiunti dall’inizio dell’anno 2009 fin ad oggi dopo un buon 2008.

Portafoglio strategico + 10.29 %
Portafoglio tattico + 10.11 %
Suggerimenti operativi cumulativi (divise, materie prime) + 36.03 % (senza inclusione degli utili non realizzati nel commento giornaliero)
Suggerimenti operativi azioni al rialzo (servizio giornaliero) + 169.98 % (senza inclusione degli utili non realizzati, risultati cumulativi)
Suggerimenti operativi azioni al ribasso (servizio giornaliero) + 23.75 % (nessuna posizione in questo momento, risultati cumulativi)
Operazioni sui MiniSPmib + € 9’065 (con 12 operazioni, principalmente al ribasso)

Lo sapeva che….:

che la LFB ha individuato i 4 principali pilastri che sostengono l’attuale rialzo degli indici azionari…?
che la LFB ha spiegato le motivazione per una certa passività nella scelta di nuovi titoli…?
che la LFB ha analizzato l’ampiezza dell’attuale recessione…?



Analisi Weekly

a cura di: Lettera Basilese

Autore: Hanspeter Ehrsam


 

Articoli Simili

Mirabaud AM: Cauti su azionario Europa

Falco64

Comgest: i consumi interni cinesi non subiscono la trade war

Falco64

GAM: Il tacchino induttivista e l esperienza

Falco64