AdvisorWorld.it

TESTO

09/06/09 Elezioni europee ed euro

Ci hanno chiesto a più riprese quale possa esser l’effetto voto sui prezzi della moneta unica e la risposta,diplomatica,era che al di là di vere sorprese,esso sarebbe stato ...

 

pressoché nullo.

I big delle nazioni più importanti,come il nostrano Berlusconi,insieme alla Merkel e Sarkozy,non hanno subito i malumori dei votanti,di fatto preoccupati per la crisi finanziaria,che ha fortemente intaccato gli equilibri sociali,vista la crescente e generalizzata disoccupazione.

Alla luce di una mattinata poco volatile,rispetto al caos di venerdì pomeriggio e di un movimento dell’euro dollaro molto controllato,costituito da nuovi minimi intra day e rimbalzo tecnico successivo,possiamo affermare di aver previsto in modo opportuno l’apertura di settimana.

In sostanza,i risultati delle elezioni non hanno portato novità eclatanti e il focus degli analisti forex è ancora concentrato sull’evidente inversione di trend di breve termine avvenuta la scorsa seduta.

Si tratta ,infatti,di capire quanto profonda sarà la correzione in essere e se già il supporto poco sotto a 1,38 potrà fermare il recupero del biglietto verde.

Fare previsioni è arduo,ma il movimento va gestito operativamente e val la pena di incrementare le posizioni,in caso di ritracciamento.

Il livello 1,41 è da ritenersi come stop assoluto per ogni posizione short multi day.

Sotto 1,41 figura,area 1,4030 è rilevante ai fini dell’analisi grafica e va monitorata in caso di rivisitazione.

Al ribasso,oltre al già citato 1,38,si evince dal grafico che la fascia 1,3675-1,3740 può esser target di questo calo del cambio.

a cura di: Fabio Caldato – Forex 47

Fonte: Forex47.it

Articoli Simili

GAM: Aramco, l’impatto sugli indici dei mercati emergenti

Falco64

UBP: Elezioni Regno Unito se vincono i conservatori

Falco64

Columbia Threadneedle Investments: Elezioni UK

Falco64