AdvisorWorld.it

08/06/09 Oggi attesa per il dato tedesco relativo agli ordini all’industria m/m

OCCHIALI 1

Da seguire: – Aste – Emissioni a breve termine in Francia (BTF per 9,5 miliardi) e Slovacchia (ZC scadenza 2011)….

 

 

08062009 1.jpg


Area Euro

– Germania. Gli ordini all’industria potrebbero confermare il recupero di marzo scorso segnando un aumento di 1,4% m/m ad aprile. Le indagini IFO e PMI manifatturiero hanno, infatti, segnalato un miglioramento delle condizioni di domanda. Se confermata la nostra previsione lascerebbe la dinamica trimestrale in rotta per un aumento (+2,5% t/t) per la prima volta da fine 2007.

I market mover della settimana

Nell’area euro i dati di produzione industriale di aprile potrebbero mostrare un ritorno della crescita in area positiva in Germania, Francia, Italia e nella media area euro dopo otto mesi in profondo rosso. Il recupero di attività potrebbe proseguire nei prossimi mesi se i segnali di risveglio della domanda e di normalizzazione delle scorte saranno confermati. La dinamica annua dei prezzi al consumo si è mossa in territorio negativo a maggio in Germania, Spagna e Francia, trascinata dall’effetto base da energia e alimentari. La dinamica sottostante dei prezzi al consumo rimane invece positiva, anche se è vista in rallentamento di qui a fine anno e a inizio 2010.

La settimana presenta pochi dati negli Stati Uniti. A maggio, le vendite al dettaglio dovrebbero essere in modesto aumento, e i prezzi all’import proseguire sul trend in rapida crescita iniziato a dicembre. Il saldo di bilancia commerciale ad aprile dovrebbe allargarsi in misura contenuta. La fiducia delle famiglie dovrebbe stabilizzarsi a giugno. Il Beige Book potrebbe dare qualche informazione sulla diffusione dei recenti “germogli” di crescita.

Ieri sui mercati

La pubblicazione delle statistiche occupazionali americane ha creato molta volatilità sul mercato. Alla fine l’interpretazione prevalente tra gli investitori è stata quella che i dati segnalavano l’avvicinarsi della ripresa, il che ha favorito un netto aumento dei rendimenti obbligazionari e il rimbalzo del dollaro sui mercati valutari. È interessante in particolare che il dollaro abbia guadagnato nonostante la chiusura positiva degli indici azionari: euro a 1,3970, yen a 98,64. I rendimenti degli UST salgono da 33 (2 anni) a 6pb (30 anni), con una compressione di ben 21pb della pendenza 10-2 anni. Risvolti negativi anche nella zona euro, dove i tassi di rendimento sono saliti di 13pb sul 2-5 anni e di 7 sul decennale. Notevole anche l’aumento dei tassi impliciti nei futures monetari sul dollaro: da 40 a 60pb sulle scadenze tra fine 2009 e fine 2010! La ripresa del dollaro ferma il rincaro delle materie prime (CRB -0,7%).

Stati Uniti

– L’employment report di maggio mostra una contrazione di occupati non agricoli di 345 mila, più contenuta di quanto atteso (consenso: -520 mila), dopo -504 mila di aprile (revisione marzo-aprile: +82 mila). Gli occupati nel settore privato scendono di 343 mila, meno di quanto visto ad aprile (-596 mila). Gli occupati misurati dalla household survey calano di 437 mila (media 3 mesi -393 mila). Il tasso di disoccupazione sale a 9,4% da 8,9% di aprile. Il tasso di partecipazione sale a 65,9% la misura più ampia di disoccupazione (che include part-time involontari e lavoratori “marginally attached”) sale a 12,7% da 12,2% di aprile. I salari orari crescono di 0,1% m/m per il secondo mese consecutivo e l’indice delle ore lavorate si contrae dello 0,7%. I dati danno supporto alla valutazione secondo cui il peggio è passato, ma lasciano ancora ampia la correzione degli occupati e del reddito da lavoro.

– Alcuni esponenti della Fed (Yellen, Dudley) hanno commentato il recente aumento dei rendimenti sugli UST, affermando che nulla si deve fase se l’aumento è connesso a un miglioramento delle prospettive economiche.

 


Certificazione degli analisti

Gli analisti finanziari che hannopredisposto la presente ricerca, i cui nomi e ruoli sono riportati nella prima pagina del documento dichiarano che:

(1) Le opinioni espresse sulle societàcitate nel documento riflettono accuratamente l’opinione personale, indipendente, equa ed equilibrata degli analisti;

(2) Non è stato e non verràricevuto alcun compenso diretto o indiretto in cambio delle opinioni espresse.

Comunicazioni importanti

La presente pubblicazione èstata redatta da Intesa Sanpaolo S.p.A. Le informazioni qui contenutesono state ricavate da fonti ritenute da Intesa Sanpaolo S.p.A.affidabili, ma non sono necessariamente complete, e l’accuratezzadelle stesse non può essere in alcun modo garantita. Lapresente pubblicazione viene a Voi fornita per meri fini diinformazione ed illustrazione, ed a titolo meramente indicativo, noncostituendo pertanto la stessa in alcun modo una proposta diconclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o allavendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento puòessere riprodotto in tutto o in parte solo citando il nome Intesa Sanpaolo S.p.A.

 

La presente pubblicazione non sipropone di sostituire il giudizio personale dei soggetti ai quali sirivolge. Intesa Sanpaolo S.p.A. E le rispettive controllate e/oqualsiasi altro soggetto ad esse collegato hanno la facoltà diagire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopraesposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispiraprima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione dellaclientela. Intesa Sanpaolo S.p.A. e le rispettive controllate e/oqualsiasi altro soggetto ad esse collegato possono occasionalmenteassumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodottifinanziari.

Analisi Daily

a cura di: Intesa Sanpaolo S.p.A.

Fonte: Intesa Sanpaolo S.p.A.

 

 

Articoli Simili

Robeco: Azionario, iniziano i tempi supplementari

Falco64

T. Rowe Price: Equity Asia chi va piano va sano e va lontano

Falco64

Robeco: Digital twin e machine vision

Falco64