Artemis : Artemis : Outlook 2018 Prospettive per i mercati emergenti

Outlook 2018
Typography

Mercati Emergenti nel 2018: un’altra buona annata?....

 Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da AdvisorWorld iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente

 

Raheel Altaf – gestore del fondo Emerging Markets


Dopo un lungo periodo di sottoperformance, i mercati emergenti hanno trainato i mercati globali al rialzo nel 2017. La recente battuta d’arresto è l’inizio della fine o le basse valutazioni e le riforme varate dagli stati significano che il rally è tutt’altro che esaurito? Di seguito, il punto di vista di Raheel Altaf, gestore di fondi Artemis.

Anche se hanno cominciato a risalire circa 20 mesi fa, il 2017 è stato l’anno in cui i mercati emergenti sono decisamente ritornati ad essere di moda. Grazie al miglioramento dei dati economici, alla resilienza delle valute e a prospettive più rosee sugli utili, le azioni dei mercati emergenti sono salite del 70% dai minimi registrati agli inizi del 2016, con una performance che ha superato del 20%, in dollari, quella dei mercati sviluppati.  

I guadagni realizzati dagli investitori nei mercati emergenti nel 2017 sono indicativi dei risultati che ci si può attendere quando le tendenze macroeconomiche procedono di pari passo con quelle microeconomiche. Alla fine del 2017, però, gli investitori si sono chiesti se la ripresa fosse stata sostenibile. In un periodo di sovraperformance, gli umori sono calati ultimamente. In particolare, i prezzi di alcune fra le più importanti azioni tecnologiche asiatiche sono diminuiti, ma non si dovrebbe giungere a conclusioni affrettate. È possibile che questo sia l’inizio di un’ampia rotazione, con la vendita delle azioni di società della “new economy” molto popolari fra gli investitori, ma potrebbe anche trattarsi di investitori che ottengono profitti a fine anno.   

I frutti della riforma

Nell’ambito dei mercati emergenti, un’area che continua ad essere trattata con molto scetticismo è quella delle imprese di proprietà pubblica (IPP) ma è possibile che nel 2018 le percezioni cambino. Ci sono alcuni segnali che le riforme che si stanno attuando nell’ambito delle imprese pubbliche possano dar vita ad un contesto più favorevole per gli investitori privati. Nel caso di alcune IPP cinesi, si è visto che l’attuazione di politiche che ne hanno aumentato la redditività hanno prodotto sorprese positive.  

Intanto, l’annuncio avvenuto nel 2017 che l’India ricapitalizzerà le banche pubbliche per affrontare il problema dei crediti inesigibili del Paese è un’ulteriore prova dell’impatto positivo che le politiche possono avere sulle imprese di proprietà pubblica. In entrambi i casi, un rialzo dei prezzi delle azioni indicano che eventuali riforme adottate sulla stessa falsariga nel 2018 potrebbero tradursi in un grosso vantaggio per gli investitori, specialmente alla luce del fatto che le imprese di proprietà pubblica sono fortemente sottovalutate rispetto alle imprese private. 

La tesi di investimento

Siamo consapevoli delle sfide che si manifesteranno per i mercati emergenti nel 2018. Innanzitutto, i tentativi della Cina di affrontare i rischi del sistema finanziario potrebbero avere un impatto sulla crescita globale. Poi, le banche centrali dei paesi sviluppati continueranno a normalizzare la politica economica. Infine, è probabile che diversi rischi di natura geopolitica occuperanno le prime pagine dei giornali, con conseguenze imprevedibili per gli umori del mercato.

Eppure ci sono buoni motivi per ritenere che le azioni dei mercati emergenti possano continuare a dare buona prova di sé. La ripresa sincronizzata in atto nell’economia globale è un ambiente ideale per i mercati emergenti e, se da un lato il ritmo sostenuto del rialzo ha cominciato a ripristinare la fiducia degli investitori in questo tipo di investimento, dall’altro il cambiamento dell’asset allocation dai paesi sviluppati ai mercati emergenti è ancora nella fase primordiale. Inoltre, su base relativa, le valutazioni restano interessanti. L’Indice MSCI Emerging Markets presenta un rapporto prezzo-utili a 12 mesi pari a 12,4x, con uno sconto del 28% rispetto ai mercati sviluppati.

 

Fonte: AdvisorWorld.it

logo

Investitori professionali

Importanti avvertenze legali

Per poter accedere alle informazioni di questo portale web è necessario leggere e accettare le seguenti note legali e termini.
Se non si è compreso il contenuto del sito o se non si soddisfano tali condizioni, non si potrà procedere ulteriormente, rifiutando l’accettazione di tali termini.
Le informazioni presenti nel portale web sono disponibili soltanto per i soggetti considerati Investitori Professionali secondo il diritto italiano.
Chi non soddisfa tali requisiti non può proseguire oltre e deve abbandonare il portale.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione